Alex Rins si sente pronto per la prima gara, ma è anche perfettamente consapevole delle aree in cui questa moto può ancora essere migliorata.

Alex Rins (Getty Images)
Alex Rins (Getty Images)

Alex Rins si appresta ad essere uno dei grandi protagonisti di questo Mondiale che è ormai alle porte. Dopo l’ottimo 2019 disputato lo spagnolo vuole finalmente fare quello step in avanti che gli consentirebbe di lottare per il titolo iridato. La moto sembra molto cresciuta e in particolare le nuove mescole Michelin portate al battesimo quest’anno si sposano bene con la Suzuki.

Come riportato da “Speedweek” il pilota spagnolo ha così commentato i recenti test svolti in Qatar: “Sono pronto. Abbiamo fatto tre buoni giorni di test. Posso dire che andiamo a casa con i compiti fatti. Siamo pronti per la gara. Possiamo ancora migliorare un po’ sul rettilineo e un po’ in fase di frenata però in generale la moto sembra più stabile. Forse ci sarà qualcosa di più sul piano aerodinamico. Abbiamo provato delle nuovi ali, ma probabilmente monteremo alcune simili a quelle utilizzate nel 2019”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rins: “Siamo più costanti”

Negli ultimi anni, dopo che le ali della Ducati erano state messe al bando ad inizio 2017, la stessa casa di Borgo Panigale ha “inventato” le carene con le ali che danno maggiore stabilità alla moto in rettilineo. Da quel momento però un po’ tutte le case hanno pensato bene di seguire l’esempio della casa italiana.

Rins ha poi proseguito: “La differenza non è tanta, ma siamo più costanti. Siamo andati forte nei tre giorni e quindi siamo soddisfatti. La Michelin ha portato una nuova carcassa che aumenta la vita della gomma e anche questo è un passo in avanti. Qui saranno tutti al top, ma penso che gli avversari saranno gli stessi dello scorso anno”.

Antonio Russo

Rins (Getty Images)
Rins (Getty Images)