Alvaro Bautista non felice del suo scenario attuale in Honda, la CBR1000RR-R Fireblade non gli dà i feeling sperati. Il pilota vice-campione Superbike 2019 spera in miglioramenti.

Alvaro Bautista Superbike 2020
Alvaro Bautista (foto Honda WorldSBK)

La situazione di Alvaro Bautista è radicalmente cambiata nel giro di un anno. Se nel 2019 con la Ducati andava fortissimo in Australia, adesso invece con la Honda sta faticando.

Nel primo giorno di test Superbike a Phillip Island ha chiuso al quindicesimo posto, distante 1″8 dal leader Toprak Razgatlioglu. Il pilota spagnolo non ha trovato ancora il giusto feeling con la CBR1000RR-R Fireblade, dimostrando di avere anche più difficoltà del compagno Leon Haslam. Domani sarà importante fare progressi nell’ultima giornata di test australiano.

Leggi anche -> Superbike, Redding: “Mi preparo alla gara. Utili i dati di Bautista”

Superbike 2020, test Phillip Island: parla Bautista

Bautista non è soddisfatto della sua attuale condizione tecnica e non è molto fiducioso nel riuscire ad ottenere progressi importanti immediati: «Ho ricevuto alcune parti per questo test – riporta Speedweek – ma i miglioramenti non sono così grandi come avrei voluto. Almeno ora stiamo andando nella direzione che ho chiesto durante il test di Portimao. La moto è troppo rigida per me, non sento le gomme. Abbiamo migliorato con le nuove parti, ora la sensazione per la gomma anteriore è migliore. Ma questo non è abbastanza. Del 100% che voglio avere, potrei averne ottenuto 15. Non è un grande passo».

Il pilota del team Honda WorldSBK è convinto che servirà tempo per riuscire a raggiungere il livello di competitività al quale ambisce: «Do solo i miei commenti, gli ingegneri devono trovare soluzioni. Ciò che mi preoccupa di più è il tempo. Nel prossimo fine settimana difficilmente troveremo l’85% mancante. Sono sicuro che troveremo soluzioni, ma richiedono tempo».

Alvaro fa anche un paragone tra il motore Honda e quello Ducati: «Non posso dire se il quattro cilindri in linea sia migliore o peggiore del V4. Posso solo dire che è diverso. Il motore in linea è più aggressivo. C’è molta potenza, ma l’erogazione è molto diversa rispetto al V4. Il V4 sembra un motore a quattro tempi, il motore in linea è più simile a un due tempi».

Alvaro Bautista Superbike 2020
Alvaro Bautista (foto Honda WorldSBK)