Mercedes: “I rivali ci hanno spinto a creare un’auto aggressiva” (VIDEO)

0
92

La Mercedes poteva limitarsi soltanto a sviluppare la vettura campione del mondo 2019. Invece ha deciso di stravolgerla, per fregare di nuovo gli avversari

La W11 ai box nei test F1 di Barcellona (Foto Sebastian Kawka/Mercedes)
La W11 ai box nei test F1 di Barcellona (Foto Sebastian Kawka/Mercedes)

Accontentarsi o sedersi sugli allori sono verbi che non esistono, nel vocabolario della Mercedes. E il team campione del mondo in carica lo ha dimostrato, una volta di più, con la W11, l’ultima nata della Casa, chiamata a difendere i sei titoli mondiali consecutivi conquistati nelle passate stagioni.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

I vertici della Freccia d’argento, infatti, si sono interrogati a lungo se puntare sulla continuità, ovvero proseguire nello sviluppo della vecchia macchina che pure aveva dominato nel 2019, oppure stravolgere ancora una volta il progetto e rischiare soluzioni innovative. Alla fine è stata proprio questa seconda strada che ha prevalso. Alla luce dei passi in avanti compiuti l’anno scorso da Ferrari e Red Bull, che avevano mostrato di potersi avvicinare alla Stella a tre punte, James Allison spiega di essersi sentito in dovere di dare un’ulteriore scossa ai suoi ingegneri.

“Avevamo la tentazione di continuare solo a raffinare il modello precedente”, ha raccontato il direttore tecnico in un affascinante video che spiega le difficoltà nella realizzazione della nuova vettura, pubblicato dalla stessa Mercedes. “Dopotutto aveva concluso la stagione con una grande competitività e ha continuato a crescere molto rapidamente nel corso di tutto l’anno, perciò c’erano ancora molti margini di miglioramento per renderla più veloce. Questo approccio conservativo era molto, molto allettante”.

Mercedes innova per fregare la concorrenza

Invece, ancora una volta, il team anglo-tedesco ha dovuto gettare il cuore oltre l’ostacolo. “Alla fine abbiamo deciso che non ci sarebbe bastato”, prosegue Allison. “Sentivamo il fiato dei nostri avversari sul collo. Sapevamo che sono affamati e che se non avessimo creato una macchina impressionante ci avrebbero mangiati in un sol boccone e lasciati indietro. Perciò abbiamo deciso di realizzare una vettura aggressiva ed estremamente avventurosa”.

Così è nata la W11, una macchina dove le novità tecniche si sprecano, e non si limitano solamente al DAS di cui tanto si è parlato nel corso dell’ultima settimana di test: “Pur non essendoci state modifiche regolamentari, abbiamo preso ogni parte della monoposto e ci siamo sfidati a migliorarla”, conclude Allison. “Così abbiamo compiuto un grosso passo in avanti”.

Leggi anche —> Sticchi Damiani a TMW: “Cosa penso del DAS Mercedes” (VIDEO)

La W11 in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Lat Images/Mercedes)
La W11 in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Lat Images/Mercedes)