In casa Honda si lavora guardando al futuro. La casa giapponese ha deciso di blindare Marc Marquez per 4 anni per non ripetere l’errore fatto con Rossi.

Marquez e Rossi (Getty Images)
Marquez e Rossi (Getty Images)

Ha sorpreso un po’ tutti il lungo rinnovo di Marc Marquez con la Honda. In tanti, infatti, si aspettavano ad un contratto biennale come hanno fatto tutti i suoi colleghi. Lo spagnolo, invece, ha firmato per ben 4 anni, ciò vuol dire che lo vedremo in sella ad una HRC almeno sino al compimento dei 31 anni.

Il rinnovo così lungo, per stessa ammissione dei protagonisti, è stato fortemente voluto dalla Honda. La casa nipponica, infatti, è consapevole di avere in casa il miglior talento di questa epoca di MotoGP, inoltre lo spagnolo ad oggi è l’unico che ha dimostrato di riuscire ad andare forte con questa moto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La Honda ha blindato il proprio futuro

La mossa del marchio giapponese però non può non riportare alla memoria i fatti accaduti ormai 17 anni fa, quando Valentino Rossi lasciò la Honda per trasferirsi alla Yamaha. In quell’occasione il Dottore, stanco di venire additato come un vincente grazie alla moto che guidava decise di cambiare aria e passare alla Yamaha che in quel momento era in crisi e non vinceva una gara da 1 anno.

Il #46 riuscì a portarsi dietro anche diversi tecnici e questo aprì una profonda crisi nella storia della Honda che dal 2004 al 2010 su 7 campionati disputati ne vinse soltanto uno con Nicky Hayden che riuscì a strapparlo a Rossi nell’ultima gara a causa di un errore di quest’ultimo. Insomma il rinnovo di Marquez, che come il Dottore all’epoca, è oggi il punto di riferimento in questa MotoGP, è arrivato anche per non commettere gli errori del passato così da garantirsi un futuro vincente.

Antonio Russo

Marquez e Quartararo (Getty Images)
Marquez e Quartararo (Getty Images)