Dovizioso chiude col sorriso: “Ducati veloce”. E per lui una nuova carena

L’ultima giornata dei test MotoGP in Qatar è “la migliore del 2020” per Andrea Dovizioso. Provati il nuovo forcellone, la nuova carena e le gomme

Andrea Dovizioso sulla Ducati nei test MotoGP in Qatar (Foto Ducati)
Andrea Dovizioso sulla Ducati nei test MotoGP in Qatar (Foto Ducati)

La classifica, ad una prima battuta, non sembra arridergli più di tanto: al termine dell’ultima giornata di test precampionato della MotoGP in Qatar, Andrea Dovizioso si piazza soltanto decimo. Ma il suo bilancio conclusivo, in compenso, è estremamente positivo: “Sono contento di com’è andata, è stato il migliore dei sei giorni di prove del 2020. Avrei firmato per finire così”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Desmodovi, infatti, non è andato in cerca del tempo sul giro, bensì ha lavorato soltanto in configurazione gara, esprimendo un passo di tutto rispetto. “Siamo abbastanza veloci, specialmente sulla distanza. Le Yamaha lo vanno ancora più forte, ma non siamo lontani”, ammette il pilota di Forlì. La sua Ducati, insomma, almeno sul circuito del Qatar che storicamente le arride, ha trovato un equilibrio decisamente più convincente rispetto a quello visto nei precedenti collaudi in Malesia.

Dovizioso capisce le nuove gomme

E, soprattutto, ha iniziato a capire queste nuove gomme Michelin che inizialmente l’avevano mandata in crisi: “Abbiamo faticato un po’ ad adattarci, ma alla fine ci troviamo in una condizione migliore, le sensazioni sono più rassicuranti”, conferma Andrea. “Ho fatto una simulazione di gara che mi ha permesso di raccogliere dati importanti, sulla gestione delle coperture”. Oggi il romagnolo ha lavorato sodo, e su più fronti: oltre che gli pneumatici, ha provato sperimentato anche il nuovo forcellone in carbonio e la nuova carena, con un’aerodinamica caratterizzata da ali più ampie.

Non ha invece montato il variatore d’assetto, il tanto chiacchierato holeshot 2.0, utilizzato in questa giornata solamente dal suo compagno di squadra: “In realtà voi ne parlate tanto, ma questi sistemi vanno usati solo quando ti senti a posto, e magari nemmeno in tutte le piste”, prosegue. “Oggi abbiamo lavorato sulla messa a punto e trovato qualche buona soluzione”.

Leggi anche —> Come funziona l’innovativo holeshot 2.0 Ducati: parla l’esperto di tecnica

Petrucci prova per la corsa

Prove di gara anche per Danilo Petrucci che, pur essendo rimasto fermo senza benzina sul tracciato durante il turno, è riuscito comunque a completare una simulazione sulla distanza: “E sono stato veloce, in particolare all’inizio”, racconta Petrux. “Poi, verso metà, si è unito anche Andrea. Ho usato sia la gomma media che la morbida e mi trovo bene. La carenatura, che avevo già provato in Malesia, mi sembra efficace. E l’holeshot può essere utile, nella MotoGP di oggi si prende tutto…”.

Andrea Dovizioso ai box nei test MotoGP in Qatar (Foto Ducati)
Andrea Dovizioso ai box nei test MotoGP in Qatar (Foto Ducati)