Maverick Vinales felice del livello di competitività raggiunto con la nuova Yamaha M1 2020. Il test MotoGP in Qatar gli sta dando risposte positive.

Vinales Maverick MotoGP Yamaha
Maverick Vinales (©Getty Images)

Il penultimo giorno di test MotoGP in Qatar è terminato ed è tempo di fare alcune valutazioni. C’era curiosità di vedere se la Yamaha si sarebbe confermata competitiva e così è apparso finora.

Oggi miglior tempo per Fabio Quartararo del team cliente Petronas SRT, ma Maverick Vinales ha chiuso terzo terzo con la M1 della squadra ufficiale Monster Energy. Il pilota spagnolo ha fatto vedere un ottimo passo gara sulla pista dei Losail International Circuit, dove si svolgerà il primo gran premio del campionato 2020.

Leggi anche -> MotoGP, Meregalli: “Pacchetto Yamaha competitivo. Rossi stupirà”

MotoGP 2020, test Qatar: i commenti di Vinales

Vinales al termine di questa seconda giornata di test MotoGP in Qatar è soddisfatto del lavoro svolto: «Cerchiamo di capire la moto e le gomme. Abbiamo lavorato molto sul ritmo. Abbiamo fatto un buon passo avanti, ho fiducia. Ma ho bisogno di più giri in pista. È positivo che aver migliorato di nuovo il nostro ritmo di due decimi. Ho fatto un po’ di giri con gomma morbida per sapere come si comporta per la gara. Cerchiamo di occuparci di tutte le aree, vogliamo stare tranquilli per il weekend di gara. Abbiamo già raccolto molte informazioni».

Il pilota del team Monster Energy Yamaha è positivo per il futuro, anche se non si adagia e sa che serve lavorare ulteriormente: «Sono abbastanza felice. Oggi abbiamo provato molte cose. Posso concentrarmi su me stesso domani. Impariamo rapidamente. Ho testato cose nuove, un po’ sull’aerodinamica. Il team lavora bene. Le cose stanno andando bene, sto facendo i miei giri. Domani non metteremo tutte le cose nuove sulla moto e vedremo come funziona quando andremo al massimo».

Successivamente Maverick si è espresso sul nuovo motore della M1, dato che la velocità massima è stata un problema in questi anni: «Non sembra male. È meglio del 2019. Ero dietro a Jack Miller che è il più veloce. Ed è per questo che sono felice del lavoro di Yamaha. Non è mai abbastanza, ovviamente dobbiamo sempre continuare a lavorare. Oggi abbiamo anche lavorato molto con le gomme dure e la scarsa aderenza. Ero abbastanza costante. Sento più potenziale ora. Faccio tempi sul giro senza andare al massimo. Domani andrò al massimo per alcuni giri. Ho messo alcuni giri sotto pressione come se fosse la fase finale di una gara ed è andata bene».

Il rider di Figueres è contento dell’attuale pacchetto Yamaha. Ovviamente bisogna vedere come andranno le cose in gara, ma Vinales è ottimista. Sente che lui e il team lavorano nella giusta direzione.

Maverick Vinales (getty images)