Massimo “Maio” Meregalli, team manager Yamaha MotoGP, è soddisfatto del livello raggiunto con la nuova M1. Crede in Valentino Rossi per il campionato 2020.

Maio Meregalli Yamaha MotoGP
Maio Meregalli (Getty Images)

Nel campionato MotoGP 2020 ci si aspetta tanto dalla Yamaha, che non vince il titolo dal 2015 e che negli ultimi anni ha digerito bocconi amari. La casa di Iwata ha lavorato tanto per farsi trovare pronta alla nuova stagione.

Nei test invernali la M1 2020 ha dato complessivamente buone risposte ai piloti, anche se poi sono sempre le gare a dire la verità. Adesso i team sono impegnati in Qatar per l’ultimo test pre-campionato. Proprio presso il Losail International Circuit ci sarà il primo gran premio del nuovo anno.

Leggi anche —> MotoGP, Lorenzo spinge la Yamaha: “Quasi da Mondiale. Anche Rossi può vincere”

MotoGP 2020, Maio Meregalli sulla situazione Yamaha

Il team manager Massimo “Maio” Meregalli ha parlato ai microfoni di Sky Sport MotoGP della situazione attuale in Yamaha: «Per ora è un altro test positivo, dopo quello in Malesia. Ci aspettavamo delle conferme, perché il circuito di Sepang è sempre tra i più favorevoli per noi e qualche dubbio era rimasto. Ieri abbiamo iniziato subito bene e stiamo avendo tutte le conferme già trovate in Malesia. Le novità provate in pista stanno avendo tutti i riscontri e questo per ora è molto confortante».

La nuova M1 sembra una moto nata positivamente, anche se con il passare delle gare si vedranno i reali valori in pista. Comunque Meregalli è fiducioso: «E’ stato un parto molto lungo, ci abbiamo messo quasi due anni per arrivare al livello a cui ci troviamo ora. Sicuramente, vi lascio metterci tra i favoriti. Abbiamo iniziato bene e pensiamo anche di aver finito bene. Dalla seconda parte della scorsa stagione abbiamo fatto molto bene. Da quando abbiamo introdotto il nuovo telaio e il nuovo motore a Valencia e poi a Jerez, abbiamo continuato ad ottenere buoni riscontri. Il motore va più veloce, forse ancora non abbastanza, ma siamo migliorati in tante altre aree. In questo modo possiamo davvero pensare di avere un pacchetto competitivo».

Il team manager Yamaha fa anche una battuta su Valentino Rossi, che nei prossimi mesi deciderà se continuare a correre oppure optare per il ritiro: “Ci ha sempre sorpreso, ci sorprenderà anche quest’anno“.

Valentino Rossi (Foto Yamaha)
Valentino Rossi (Foto Yamaha)