Taruffi a TMW: “Questo nuovo approccio non è nello stile Ferrari” (VIDEO)

0
366

Il 2020 sarà l’anno buono per la Ferrari? TuttoMotoriWeb.com ne ha parlato con Prisca Taruffi, pilota e giornalista, in questa video intervista

La Ferrari di Charles Leclerc in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Studio Colombo/Ferrari)
La Ferrari di Charles Leclerc in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Studio Colombo/Ferrari)

Figlia di un mito ferrarista del passato, il fortissimo Piero Taruffi, pilota anch’ella, oltre che giornalista e opinionista televisiva, Prisca Taruffi è un volto noto del mondo delle corse italiano, nonché una donna dal cuore rosso Ferrari. E infatti, come tutti i tifosi che si rispettino, alla vigilia di questo Mondiale 2020 di Formula 1 è convinta che possa essere l’anno buono per il Cavallino rampante. TuttoMotoriWeb.com l’ha incontrata alle celebrazioni per il 122° anniversario dalla nascita di Enzo Ferrari, e ha tracciato il punto con lei sulla situazione della Scuderia in questa video intervista.

Prisca Taruffi, qual è il suo personale ricordo di Enzo Ferrari?
Ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere il Drake, insieme a mio papà, che corse per tanti anni per la Scuderia Ferrari. Fu un incontro molto particolare. Io ero molto emozionata: papà mi aveva preparato a questo personaggio un po’ chiuso, con i suoi occhiali scuri, ma lui mi regalò un bellissimo foulard di seta con il cavallino rampante. Lo ricordo soprattutto per la bellissima ultima vittoria di mio padre, con la famosa Ferrari 315S, nell’ultima Mille Miglia della storia dell’automobilismo.

Sono tempi andati, l’automobilismo di oggi non assomiglia per niente a quell’epoca gloriosa?
Sì, sono tempi molto diversi, chiaramente la tecnologia ha fatto passi da gigante. A quei tempi anche i piloti erano molto diversi: per me erano degli eroi, dei miti. Come mio padre, che ogni volta rischiava la vita: partiva, ma non sapeva mai se sarebbe tornato.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dal 122° anniversario di Enzo Ferrari ai mille Gran Premi della Rossa in Formula 1: i motivi per celebrare non mancano, ma arriverà anche quello più importante? Può essere l’anno buono per il Mondiale?
Noi tutti tifosi della Ferrari, io per prima, chiaramente pensiamo sempre che sia l’anno buono. La macchina, esteticamente parlando, è bellissima, speriamo che si anche fortissima.

Quest’anno è cambiato l’approccio alle prove: invece di fare sparate si è optato per partire più in sordina. È d’accordo?
Non lo so. Secondo me bisogna sempre partire all’attacco fin da subito. Partire in sordina non mi sembra tanto nello stile della Ferrari. Ma staremo a vedere, i primi Gran Premi saranno di attesa e di studio tra le varie Case.

E questo dualismo tra Charles Leclerc e Sebastian Vettel come lo vede?
Il dualismo tra i piloti c’è sempre stato. Secondo me fa anche bene all’interno della squadra: il primo avversario di ogni pilota è il proprio compagno di squadra. Quindi questa situazione potrebbe anche trasformarsi in un incentivo a dare sempre il massimo.

Leggi anche —> Dal Monte a TMW: “Perché la Ferrari può vincere il titolo 2020” (VIDEO)

Mattia Binotto e Charles Leclerc ai box nei test F1 di Barcellona (Foto Studio Colombo/Ferrari)
Mattia Binotto e Charles Leclerc ai box nei test F1 di Barcellona (Foto Studio Colombo/Ferrari)