Il presidente Aci, Angelo Sticchi Damiani, parla a TuttoMotoriWeb.com del 2020 della Ferrari, del DAS Mercedes e dei possibili GP a Imola e al Mugello

La Mercedes di Valtteri Bottas in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Mark Thompson/Getty Images)
La Mercedes di Valtteri Bottas in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Mark Thompson/Getty Images)

A margine di una giornata importante come quella delle celebrazioni per i 122 anni dalla nascita di Enzo Ferrari, il presidente dell’Automobile club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, ha parlato in una video intervista ai microfoni di TuttoMotoriWeb.com. Dalla sua fiducia in una Ferrari mondiale al parere sulla polemica del momento, quella sul DAS Mercedes, fino al suo sostegno alle candidature di Imola e del Mugello per la sostituzione del Gran Premio di Cina.

Angelo Sticchi Damiani, l’Aci non poteva non tributare una celebrazione speciale per i 122 anni dalla nascita di Enzo Ferrari.
Ferrari ci ha lasciato un’eredità straordinaria, un marchio famoso in tutto il mondo, che fa onore all’Italia e che ci rende ancora più importanti. Siamo un po’ tutti eredi di questa storia straordinaria, noi che amiamo l’automobilismo e le macchine belle: e le Ferrari sono le macchine più belle del mondo. Credo che conserviamo tutti non solo uno straordinario ricordo di quest’uomo, ma anche un pensiero grato. Perché è grazie a lui che possiamo vivere domeniche come quella dello scorso anno a Monza, con la vittoria di Charles Leclerc, quando l’orgoglio italiano è esploso all’arrivo. È importante e bello che questo accada.

Quest’anno pensa che potremo viverne molte altre, di domeniche così? Magari anche una gioia iridata?
Io ci punto e ci credo anche. Penso che la Ferrari stia facendo un gran lavoro. Tra i piloti c’è un astro nascente come Leclerc e un astro ormai consolidato come Vettel. Sicuramente ci toglieremo delle grandi soddisfazioni.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

In questi giorni, però, si parla soprattutto del DAS, il nuovo sistema applicato al volante della Mercedes. Qual è il suo parere?
Si tratta di un test. E, come tutti i test, bisognerà prima di tutto vedere se è utile e poi capire, dal punto di vista della sicurezza, se non distrarrà troppo il pilota che, come sappiamo, in Formula 1 è estremamente impegnato in manovre importanti che dipendono anche dal decimo di secondo. Dobbiamo capire se il gioco vale la candela: sicuramente questo test è stato autorizzato dalla Fia, e alla fine si capirà.

Cosa pensa della candidatura di Imola per sostituire il Gran Premio di Cina?
Si è fatta avanti Imola e anche il Mugello. Tutte legittime aspirazioni. Mi pare difficile che, da qui ad aprile, si possa organizzare un Gran Premio di Formula 1 in piste che negli ultimi anni non l’hanno ospitato. Ma l’Automobile club d’Italia farà di tutto perché, se ci sono le condizioni, questo possa accadere.

Leggi anche —> Non solo Imola: anche il Mugello vuole il posto del Gran Premio di Cina

Il presidente dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani, con il presidente della Fia, Jean Todt (Foto Massimo Bettiol/Getty Images)
Il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, con il presidente della Fia, Jean Todt (Foto Massimo Bettiol/Getty Images)