La Aprilia resta con i migliori, ma poi soffre troppo il freddo della sera

Aleix Espargarò porta la Aprilia addirittura in testa alla classifica nelle ore più calde, poi scivola indietro con l’arrivo della sera, ma chiude decimo

La Aprilia di Aleix Espargaro nei test MotoGP in Qatar (Foto Dorna)
La Aprilia di Aleix Espargaro nei test MotoGP in Qatar (Foto Dorna)

Zitta zitta, cheta cheta, la Aprilia continua a crescere e ad affacciarsi sempre più spesso nelle prime posizioni. Anche nella giornata inaugurale dei test MotoGP in Qatar, la RS-GP ha portato a casa un buon piazzamento: il decimo posto grazie ad Aleix Espargarò“Non è male chiudere la prima giornata nei dieci”, ha commentato lo spagnolo ai microfoni di Sky Sport. “La moto è nuova, passare dai 50 gradi della Malesia alle temperature serali di questa pista non è facile, dobbiamo lavorare sodo su questo aspetto”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Proprio il calo delle temperature si è rivelato oggi il tallone d’Achille della moto di Noale. Se nelle ore più calde della giornata, infatti, Espargarò era anche riuscito a portarsi provvisoriamente in testa alla classifica, verso sera ha iniziato a scivolare indietro. Peccato che proprio a quell’orario si disputerà il primo Gran Premio della stagione.

“Non è andata male, all’inizio avevo un buon feeling ed ero veloce”, sottolinea comunque Aleix. “Poi purtroppo nella seconda parte della giornata, quando le temperature sono scese, non mi sono più trovato altrettanto a mio agio, avevo meno aderenza. La nostra moto sembra andare meglio con il caldo, cercheremo di capire perché fin da domani”.

Albesiano promette: “Spingeremo di più il motore”

Soddisfazione per i passi in avanti che sta compiendo la moto veneta, letteralmente rivoluzionata nel corso dell’inverno, li esprime anche il direttore tecnico Romano Albesiano: “Sì, stiamo andando bene, anche se è ancora molto presto, meglio stare con i piedi ben piantati a terra. È vero, però, che anche qui a Losail sono arrivate conferme delle buone sensazioni sul comportamento generale della moto e sulla facilità di ottenere il tempo. Le stesse che avevamo riscontrato anche in Malesia. Aleix è molto contento e questo è l’importante, perché quando il pilota è soddisfatto si parte da una buona base”.

E il potenziale della Aprilia è ancora superiore a quello che ha dimostrato finora, visto che non ha ancora sfruttato al massimo il suo nuovo motore a V di 90 gradi: “Per il momento abbiamo girato ancora con i giri del motore limitati, ma le prestazioni sono arrivate ugualmente. Nei prossimi giorni spingeremo di più”, promette Albesiano.

Leggi anche —> MotoGP test Losail, giorno 1: doppietta Suzuki. Tempi, classifica e VIDEO

La Aprilia di Bradley Smith nei test MotoGP in Qatar (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
La Aprilia di Bradley Smith nei test MotoGP in Qatar (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)