Honda oggi ha svelato le CBR1000RR-R con le quali Alvaro Bautista, Leon Haslam, Takumi Takahashi e Jordi Torres correranno nel campionato mondiale Superbike 2020.

Team Honda WorldSBK

Oggi a Tokio la Honda ha tenuto l’evento di presentazione dei team che parteciperanno al campionato mondiale Superbike 2020. Si tratta della squadra ufficiale HRC e di quella privata Mie Racing Althea.

La casa giapponese quest’anno torna con una propria struttura e una nuova moto, la CBR1000RR-R, per rilanciarsi in SBK dopo stagioni negative. L’obiettivo di tornare a vincere non sarà facile da conseguire nel breve periodo, però a Tokio sono stati fatti grandi investimenti per dare battaglia a Kawasaki e Ducati.

Leggi anche -> Superbike, Lucio Pedercini carico: “Vogliamo fare un buon 2020”

Superbike 2020, i team Honda si presentano

Alvaro Bautista è il pilota di punta del team ufficiale Honda e crede fortemente nel progetto: “È molto emozionante per me far parte di questo progetto e l’obiettivo sarà sicuramente quello di conquistare la vittoria. Se c’è una cosa che mi ha stupito moltissimo è stata la potenza di questa moto, ma comunque ho una squadra determinata e molto professionale. Quindi siamo sicuri di poter fare bene”.

Anche il suo compagno Leon Haslam è molto motivato per la nuova avventura: “La nuova moto è bellissima e si vede che c’è stato un grande impegno nella realizzazione della CBR1000RR-R da parte di Honda. Ho provato anche la versione stradale e sono rimasto impressionato dalla somiglianza a quella da gara. Non vedo l’ora di scendere in pista a Phillip Island la prossima settimana e cominciare la stagione”.

Per quanto riguarda il MIE Racing Althea Honda Team, un pilota sarà Takumi Takahashi. L’altro sarà Jordi Torres, annunciato proprio oggi. Lo spagnolo non era presente all’evento odierno. Invece il giapponese si è così espresso: “L’anno scorso ho corso come wild card, quest’anno disputerò la stagione completa. Mi hanno già detto qualcosa della moto, ma personalmente non vedo l’ora di provarla. Sono molto motivato, darò il massimo per ottenere i migliori risultati possibili”. Adesso concentrazione sull’ultimo test WorldSBK di Phillip Island e poi sul primo round del campionato, proprio in Australia.