Lewis Hamilton inizierà presto a trattare con Toto Wolff per il rinnovo del suo contratto in Mercedes, ma sarà un accordo molto a lungo termine

Lewis Hamilton nel paddock dei test F1 di Barcellona (Foto Charles Coates/Getty Images)
Lewis Hamilton nel paddock dei test F1 di Barcellona (Foto Charles Coates/Getty Images)

Che il sogno della Ferrari di portarlo a Maranello sia ormai definitivamente sfumato, se ne sono resi conto anche alla Rossa. Che Lewis Hamilton sia destinato a rimanere alla Mercedes è praticamente già una certezza. Ma il rinnovo del suo contratto è in realtà ancora da firmare, anzi, addirittura ancora da discutere.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lo ha messo in chiaro lo stesso campione del mondo, a margine dei test F1 di Barcellona: “So che Toto (Wolff, il team manager, ndr) non vede l’ora di parlare”, ha dichiarato il pilota anglo-caraibico, “ma per ora mi voglio concentrare a raggiungere la forma e la preparazione per la stagione. Non mi va di essere distratto dai contratti in questa fase. Credo che i nostri obiettivi siano allineati: perciò ci metteremo a parlare nei prossimi mesi”.

Hamilton vuole decidere a lungo termine

Quando però il momento delle trattative arriverà veramente, si dovranno chiarire parecchi aspetti. A partire dall’entità dell’ingaggio, che Hamilton vorrebbe portare sopra ai 70 milioni di dollari all’anno, fino alla durata. Già, perché Lewis pensa al suo futuro a lungo termine, e vuole rimanere legato come testimonial e uomo immagine alla Freccia d’argento anche per molto tempo dopo il suo ritiro.

“Ora si tratta di capire quali saranno i piani per i prossimi cinque-dieci anni e in che modo la decisione che prenderò ora condizionerà il mio futuro”, ha proseguito il sei volte iridato. “Mi permetterà di mettere a posto le cose in modo tale che, quando appenderò il casco al chiodo, potrò continuare a seguire altri interessi? Questo sarà il contenuto delle clausole del contratto di cui parleremo di più”.

Le trattative con la Mercedes e Wolff

E su questi punti si prospetta un braccio di ferro perfino con il suo amico e collaboratore Wolff: “Lui cerca di chiedere qualcosa e io lo combatto”, ha spiegato. “È un tira e molla. Credo che l’ultima volta in cui ci siamo seduti a trattare, i negoziati siano andati avanti per otto o dieci ore, e alla fine l’abbiamo risolta alla grande. Alla fine poi la palla passa ai poliziotti cattivi, ovvero agli avvocati”.

Lewis Hamilton nell'abitacolo ai test F1 di Barcellona (Foto Lluis Gene/Afp/Getty Images)
Lewis Hamilton nell’abitacolo ai test F1 di Barcellona (Foto Lluis Gene/Afp/Getty Images)