Bottas prova il DAS e gongola: “Quanto ci aiuterà il nuovo sistema”

0
275

Valtteri Bottas promuove l’innovativo sistema DAS della Mercedes: “Funziona bene e non è difficile da manovrare. Ci darà un vantaggio importante”

La Mercedes di Valtteri Bottas in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Lat Images/Mercedes)
La Mercedes di Valtteri Bottas in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Lat Images/Mercedes)

Oggi è sulla bocca di tutti, ma fino a ieri il DAS della Mercedes è stato un segreto ben custodito. Era infatti da quasi un anno che, dietro le quinte dell’officina di Brackley, gli ingegneri della Freccia d’argento stavano lavorando a questo controverso congegno che permette al pilota di regolare l’angolo di convergenza delle ruote anteriori, spostando in avanti o all’indietro il volante.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lo ha rivelato, ora che finalmente ne può parlare, anche lo stesso Valtteri Bottas: “Lo sapevo da molto, ne sentii parlare per la prima volta quasi dodici mesi fa”, ha spiegato ai microfoni dei giornalisti alla conclusione della sua prima tre giorni di prove. “Non è un progetto veloce né facile da progettare, sviluppare, realizzare e far funzionare. Anzi, per noi si è trattato di un progetto piuttosto grosso, perciò non sarà così semplice da copiare per gli altri”.

Per Bottas il nuovo sistema Mercedes è un passo avanti

Le prime impressioni su questo nuovo sistema, dall’abitacolo, sono tutte positive: “È bello essere in un team che crea questo tipo di dispositivi: questo dice molto sulle grandi menti che lavorano con noi”, commenta il finlandese. “Spero che ci dia un vantaggio importante, ma quanto sarà importante è ancora difficile da dire. Ovviamente però ci mette in una buona posizione”.

Manovrarlo non sembra così difficile come potrebbe apparire a prima vista: “Ad essere onesto non è così strano”, prosegue Bottas. “Non ho avuto problemi, finora, anzi mi è sembrato piuttosto semplice da usare. Il sistema funziona molto bene, è piuttosto solido, non si comporta mai in modo strano. Si sposta solo il volante quando vuoi. Per ora stiamo ancora capendo il sistema e il suo potenziale: al primo giorno non l’abbiamo utilizzato, è stato introdotto dal secondo. Credo che in alcune circostanze possa essere molto utile, ma come e quanto ci possa aiutare lo scopriremo durante l’anno in varie condizioni e su piste diverse”.

Quanto alle proteste sulla presunta irregolarità del DAS, Bottas non sembra particolarmente preoccupato: “Non credo che il nostro team inizierebbe a creare e progettare qualcosa che pensano verrà proibito. Quando una squadra porta una novità, è inevitabile che ci si chieda se sia legale o meno”.

Leggi anche —> DAS Mercedes, ci vorrà un anno per proibirlo (e sei mesi per copiarlo)

La Mercedes di Valtteri Bottas in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Steve Etherington/Mercedes)
La Mercedes di Valtteri Bottas in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Steve Etherington/Mercedes)