Ansia Ferrari, Binotto: “L’anno scorso eravamo più ottimisti a quest’ora”

Per la Ferrari sembra già una stagione in salita. Mattia Binotto però per ora predica calma e spera di trovare la quadra prima del GP in Australia.

Mattia Binotto (Getty Images)
Mattia Binotto (Getty Images)

L’inizio di questo 2020 appare già in salita per la Ferrari. Con la Mercedes che vola e rivoluziona la propria vettura con trovate tecniche innovative come il DAS e la Red Bull che sembra già essere una vettura fatta di tanta sostanza, la Rossa è già in affanno nel rincorrere i competitor.

In particolare nella giornata di oggi Sebastian Vettel è stato appiedato da un motore che si è spento dopo meno di 300 giri, troppo pochi per un propulsore che dovrebbe durare 7 gare. Proprio per questo gli uomini del Cavallino sono già sotto esame e la power unit è stata subito inviata a Maranello per capire che problema ha avuto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Binotto: “Stagione lunga, vedremo come andrà”

Come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, Mattia Binotto non sembra per niente soddisfatto: “Non andiamo forte come i nostri rivali, ma questa è una stagione molto lunga e per ora non abbiamo ancora visto la prestazione. Osservando il ritmo, in relazione al carico carburante, non siamo veloci come i nostri rivali”.

Il team principal della Rossa ha poi continuato: “L’anno scorso a quest’ora eravamo più ottimisti, ma la stagione è lunga. Credo che in questo momento gli altri sono più veloci di noi, ma di quanto non lo so perché bisognerà verificare tutti i dati nei prossimi giorni. C’è sempre preoccupazione quando non si è veloci, ma è presto per esprimere dei giudizi definitivi. La cosa importante è fare sviluppo nella giusta direzione. Ci sono 22 gare potenziali, c’è tempo per riprendersi. Aspettiamo l’Australia, per ora non abbiamo ancora ottimizzato la macchina con il miglior assetto”.

Antonio Russo

Ferrari (Getty Images)
Ferrari (Getty Images)