Superata l’influenza che lo aveva appiedato ieri, Sebastian Vettel ha preso il volante della Ferrari SF1000 oggi pomeriggio, dando impressioni positive

La Ferrari di Sebastian Vettel esce dai box nei test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)
La Ferrari di Sebastian Vettel esce dai box nei test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)

“Avevo un’influenza che si trascinava da una settimana, ma oggi finalmente mi è passata”. Seppur con ventiquattr’ore di ritardo sui programmi originari, finalmente oggi anche Sebastian Vettel ha avuto la possibilità di prendere contatto con la nuova Ferrari. Il quattro volte iridato ha raccolto il testimone dal suo compagno di squadra Charles Leclerc nel pomeriggio della seconda giornata di test F1 a Barcellona e, al termine della sessione, si è classificato sesto, girando due decimi più rapido del monegasco, ottavo.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sensazioni estremamente positive, quelle confidate dal tedesco, che ha notato in pista l’inversione di tendenza nella filosofia progettuale che ha ispirato gli ingegneri di Maranello: più deportanza, quindi più stabilità nei tratti misti e guidati, anche a costo di pagare qualcosa in velocità di punta sul dritto.

La versione di Vettel sulla nuova Ferrari

“Siamo soddisfatti di com’è andata oggi”, ha spiegato Vettel. “Le caratteristiche della nuova SF1000 mi sono parse evidenti già dopo i primi giri, specialmente in alcune curve. Abbiamo già raccolto molti dati sulla vettura. Il carico aerodinamico è aumentato e, con esso, anche un po’ la resistenza all’avanzamento. Ma è ancora presto per dire quanto andremo forte sui rettilinei. Dobbiamo capire come la macchina risponderà alle variazioni di assetto, esplorarne tutte le modalità di funzionamento”.

Rivoluzionata anche la strategia di approccio della Ferrari ai test: se in passato andava in cerca del tempone per finire sui titoli dei giornali, adesso preferisce avvicinarsi alla nuova stagione con cautela, nascondendo il suo reale potenziale. “Oggi non ho variato molto le mappature del motore, perché non ci interessava mettere in mostra le nostre migliori prestazioni”, ha spiegato il teutonico. “In questo momento conta soprattutto girare tanto. Quanto all’affidabilità, abbiamo visto che è elevata per tutti, ma per noi questo è particolarmente importante, visto che l’anno scorso ne abbiamo sofferto”.

Sugli altri non si sbilancia

Quanto ai pronostici sui valori in campo, è ancora troppo presto per analizzare i rapporti di forze con la concorrenza: “Sulla carta queste vetture sono molto più veloci di quelle dello scorso anno”, conclude Vettel. “Mi sembrano tutte belle e molto curate, anche quelle di centro gruppo, a differenza di quello che accadeva solo qualche anno fa. Non so dire se ci aspetta una stagione più difficile, perché non sappiamo ancora a che livello sono gli altri. Per ora ci concentriamo solo sul nostro lavoro”.

Sebastian Vettel ai box della Ferrari nei test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel ai box della Ferrari nei test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)