Max Verstappen ha rinnovato con la Red Bull fino al 2023. Ma c’è una clausola legata al motore che potrebbe svincolarlo per passare in Mercedes

Max Verstappen con la tuta della Mercedes (Fotomontaggio di TuttoMotoriWeb.com)
Max Verstappen con la tuta della Mercedes (Fotomontaggio di TuttoMotoriWeb.com)

Prima ancora dell’inizio della stagione, Max Verstappen ha firmato il rinnovo del suo contratto con la Red Bull. Un rinnovo, per giunta a lungo termine, visto che la nuova scadenza è fissata al 2023. Vista così, sembrerebbe la pietra tombale per il sogno mai nascosto di Toto Wolff di portare il giovane olandese alla Mercedes, identificando in lui il potenziale futuro sostituto di Lewis Hamilton.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ma le cose potrebbero non stare esattamente come sembrano. Ovvero, l’accordo appena siglato tra Verstappen e la Red Bull potrebbe non essere così blindato come le Lattine hanno cercato di far credere. “Resterei sorpreso se si fosse legato con il suo team per quattro anni, chiudendo la porta a chiunque altro”, ha lasciato intendere Wolff ai microfoni della rivista specializzata tedesca Auto Motor und Sport. “I contratti spesso sono molto più complessi di quanto scrivono i giornali”.

Così Verstappen potrebbe svincolarsi dalla Red Bull

Che si trattasse di un semplice sospetto, o che Wolff sapesse davvero qualcosa che noi non conosciamo, in entrambi i casi il boss della Freccia d’argento pare proprio avere colto nel segno. Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, si è trovato infatti costretto ad ammettere che nel contratto di Verstappen esiste un’uscita di sicurezza: “Sì, ci sono delle clausole”, ha risposto alla rivista Auto Bild.

In particolare, questa clausola che permetterebbe a Max di svincolarsi dai Bibitari sarebbe legata alle prestazioni del motore: “Finché avremo un propulsore competitivo, lui dovrà restare con noi”, ha aggiunto Marko. “Il massimo distacco tra il nostro motore e il migliore deve essere di due decimi di secondo”. Un divario che attualmente il motore Honda rispetta, ma non dimentichiamo che la fornitura della Casa giapponese con la Red Bull è confermata, ad oggi, solo fino alla fine del 2021.

Le opzioni per il futuro Mercedes

Dopo, tutto potrà succedere. Anche che Verstappen lasci clamorosamente la Red Bull per passare alla Mercedes. In alternativa, la Stella a tre punte ha un ricco vivaio di giovani talenti da cui poter pescare: “Finché avremo una macchina veloce, perché questa è la nostra prima priorità, ci ritroveremo sempre nella condizione in cui poter scegliere chi la guiderà”, conclude Wolff. “Abbiamo dei giovani di cui ci fidiamo, che hanno fatto un ottimo lavoro, come George Russell che ha guidato impeccabilmente la Williams e anche Esteban (Ocon, attualmente in prestito alla Renault, ndr). Insomma, i campioni del mondo in carica hanno solo l’imbarazzo della scelta.

Max Verstappen e Lewis Hamilton (Foto Octane/Action Plus/Getty Images)
Max Verstappen e Lewis Hamilton (Foto Octane/Action Plus/Getty Images)