SBK, Dominique Aegerter nuovo collaudatore Honda

Dominique Aegerter è il nuovo collaudatore Honda nel team SBK. Il pilota elvetico si alternerà con l’impegno in MotoE nel 2020.

Dominique Aegerter
Dominique Aegerter (photo Facebook)

La Honda vuole fare sul serio nella stagione SBK 2020! Dopo aver ingaggiato Alvaro Bautista e Leon Haslam, Dominique Aegerter vestirà i panni del collaudatore e aiuterà a sviluppare la nuova CBR1000RR-R Fireblade. “È davvero una bella notizia. Proverò la nuova 1000 Honda in questa stagione”, ha ammesso il pilota svizzero classe 1990.

Già pianificato il programma di lavoro con la scuderia nipponica per questa stagione. “Proveremo sei volte con l’intero team, è una cosa grandiosa. Il primo test sarà a Sepang a marzo, saremo principalmente a Sepang e Suzuka. È un onore per me essere coinvolto nell’ulteriore sviluppo della nuova Honda CBR1000RR-R e in questo modo supportare il team di fabbrica. Il primo test MotoE è a Jerez dal 10 al 12 marzo”.

Leggi anche —> Superbike, Lucio Pedercini carico: “Vogliamo fare un buon 2020”

Honda fa sul serio in Sbk

Una squadra di tutto rispetto per la Honda, che ha puntato sullo spagnolo Alvaro Bautista, secondo classificato nella scorsa stagione, e sull’ex Kawasaki Leon Haslam. Il giapponese Takumi Takahashi e molto probabilmente lo spagnolo Jordi Torres fanno parte del team satellite Midori Moriwaki. Ora l’arrivo di Aegerter a dare manforte alla Honda per accelerare sull’evoluzione della derivata di serie con livrea HRC.

Dopo l’impegno in Moto2 nel 2019 con Forward Racing, il 29enne elvetico non aveva trovato una occupazione fissa per questa stagione, prima di approdare in MotoE con IntactGP, che ha dato via libera a questo nuovo impegno. “Sarò il sostituto se uno dei piloti della squadra dovesse farsi male, cosa che ovviamente speriamo non accada. E correrò anche la 8 ore di Suzuka come pilota ufficiale HRC. Ho sempre sognato di guidare una Superbike. Questo ruolo mi aiuterà a rimanere nelle corse. Ho avuto ottimi contatti con la Honda per molto tempo, non solo in Svizzera ma anche in Giappone. Sono molto motivato e farò del mio meglio per rilanciarmi verso altri ruoli”.