La sorprendente Racing Point fa già discutere: “È una Mercedes rosa”

La nuova Racing Point 2020 è praticamente una fotocopia della Mercedes dello scorso anno. E si diffonde il malumore tra i diretti rivali di centro gruppo

La Racing Point 2020 di Lance Stroll, in alto, e la Mercedes 2019 di Valtteri Bottas, in basso (Foto Charles Coates/Getty Images - Hu Chengwei/Afp/Getty Images)
La Racing Point 2020 di Lance Stroll, in alto, e la Mercedes 2019 di Valtteri Bottas, in basso (Foto Charles Coates/Getty Images – Hu Chengwei/Afp/Getty Images)

L’outsider annunciato del campionato del mondo 2020 di Formula 1 si chiama Racing Point. Una vettura spinta dai motori Mercedes, ma che con la Freccia d’argento ha in comune molto di più del semplice propulsore: “Si può affermare senza esagerazione che si tratti di una Mercedes 2019 colorata di rosa”, ha riassunto il famoso giornalista tedesco Michael Schmidt sulla rivista specializzata Auto Motor und Sport.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il team diretto interessato non smentisce le evidenti somiglianze tra la sua vettura e quella che ha vinto l’ultimo campionato del mondo: “Abbiamo lavorato nella galleria del vento della Mercedes dal maggio dello scorso anno”, confessa il direttore tecnico Andy Green. “Perciò ha più senso seguire il loro concetto piuttosto che costruire una Red Bull. Le sospensioni anteriore e posteriore e il cambio vengono direttamente dalla Mercedes 2019”.

Stretti legami tra Racing Point e Mercedes

Ma la collaborazione tra la Racing Point e la Mercedes è molto più stretta del semplice prestito di una galleria del vento. Il proprietario Lawrence Stroll è legato a doppio filo con Toto Wolff, tanto che nel corso dell’inverno si sono diffuse indiscrezioni secondo i due starebbero lavorando a progetti comuni per il 2021.

Secondo alcune voci di paddock, addirittura sarebbe stato lo stesso Stroll in persona ad ordinare questa inversione a U nella filosofia progettuale, a seguito delle difficoltà tecniche incontrate dal suo team nella passata stagione. Il risultato, spiega ancora Green, è che la Racing Point, che dal prossimo anno diventerà Aston Martin, “sta iniziando solo ora a progettare la vettura 2021”.

I mal di pancia della McLaren

Ma questa vettura fotocopia della Mercedes ha sollevato inevitabili malumori tra i diretti avversari di centro gruppo, primo tra tutti la McLaren, rivale della Racing Point per il quarto posto in campionato costruttori: “Se alcuni piccoli team possono beneficiare del lavoro di quelli grandi, questo ci rende la vita difficile”, ha dichiarato il pilota Carlos Sainz.

Per ora il boss della squadra inglese, Andreas Seidl, non vuole inasprire troppo le polemiche: “Non c’è motivo di fare ricorso”, ha chiosato. “Tutti hanno il diritto di copiare altre vetture e i regolamenti permettono anche di usare componenti identiche”. Ma è solo l’inizio, e chissà come andrà a finire.

La Racing Point di Lance Stroll in pista ai test F1 di Barcellona (Foto Mark Thompson/Getty Images)
La Racing Point di Lance Stroll in pista ai test F1 di Barcellona (Foto Mark Thompson/Getty Images)