Parole preoccupanti arrivano da un’esperto statunitense in immunologia sul coronavirus e sul rischio concreto di pandemia, ma che cosa è? Ve lo spieghiamo.

coronavirus cosa è pandemia

La parola “pandemia” non è confortante così come la sua associazione alla diffusione del nuovo coronavirus che è emerso dalla Cina.

Pur sottolineando che il virus presenta solo un “basso rischio” per gli americani in questo momento, il direttore del National Institute of Allergy and Malattie infettive, il Dr. Anthony Fauci, ha riconosciuto Martedì che ciò potrebbe non rimanere così a lungo.

“Esiste il rischio che questo si trasformi in una pandemia globale? Assolutamente sì “, ha detto Fauci.

Leggi anche >>> Coronavirus, nuovi casi preoccupanti: Mai stati in Cina

Coronavirus, l’esperto americano: “Verso la pandemia globale”; spieghiamo cosa è

Ma che cos’è una pandemia? Una malattia non deve infettare tutto il globo per essere una pandemia. Molte persone, su vaste aree di territorio, saranno sufficienti.

L’Organizzazione mondiale della sanità definisce la pandemia come la diffusione mondiale di una nuova malattia. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie offrono una definizione un po’ più elastica, descrivendola come una malattia che si diffonde nelle regioni.

La parola è più comunemente usata nel contesto dell’influenza. Le pandemie influenzali si verificano quando emergono nuovi ceppi influenzali dalla natura – per esempio un virus dell’influenza suina o un ceppo influenzale che circola tra i polli – e iniziano a infettare le persone. Ma altre malattie possono e sono state dichiarate pandemie.

È importante sapere che chiamare un’epidemia una pandemia non connota la gravità. Il termine si riferisce esclusivamente alla quantità di terreno coperta dall’epidemia.

Possono esserci lievi pandemie, come la pandemia di influenza H1N1 del 2009; uccise all’incirca tante persone quanto l’influenza regolare, sebbene molte fossero più giovani di quelle che cedono all’influenza stagionale.

All’estremità opposta dello spettro di gravità della pandemia del 2009 c’era l’influenza spagnola del 1918, che ha ucciso tra i 50 milioni e i 100 milioni in tutto il mondo nel 1918-1919.

Altre pandemie influenzali dell’era della virologia moderna – 1957, 1968 – assomigliavano molto più al 2009 che al 1918. 

Leggi anche >>> Coronavirus, preoccupante aumento del numero dei casi

Teresa F.

Coronavirus
Coronavirus (foto dal web)