Paolo Ciabatti: “Test insignificanti, guardate Bagnaia nel 2019…”

Paolo Ciabatti esalta il secondo posto Ducati in campionato e si dice non preoccupato dal primo test 2020: “Guardate Bagnaia nel 2019…”

ciabatti paolo MotoGP
Paolo Ciabatti (Getty Images)

Ducati stanca di recitare il ruolo di eterna seconda. Ma in un’epoca dominata in lungo e in largo dalla Honda di Marc Marquez il secondo posto di Andrea Dovizioso vale oro. E da tre anni a questa parte tutti gli altri team e piloti sono alle spalle di Borgo Panigale. “Questa è una situazione di cui possiamo essere orgogliosi”, ammette Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati Corse. “Ma ciò non significa che siamo soddisfatti al 100%, perché sei soddisfatto solo quando raggiungi il tuo obiettivo, e il nostro obiettivo è vincere il campionato del mondo. Finora non ci siamo riusciti”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ma ci sono tanti buoni motivi per cui sorridere nella stagione 2019 e di cui Ducati può andar fiera: “Siamo stati l’unico costruttore a vincere gare con due piloti diversi. Nessun altro team ufficiale della MotoGP ci è riuscito nel 2019. Inoltre, Jack Miller, con la terza GP19, ha ottenuto cinque podi. Pensiamo di aver fatto un buon lavoro”. Adesso l’attenzione è rivolta al nuovo prototipo GP20, la cui versione quasi definitiva abbiamo visto nel test di Sepang agli inizi di febbraio.

Per Ciabatti i test non contano

Il feeling non sembra ancora ottimale, specialmente con le nuove gomme Michelin. Ma c’è ancora una tre giorni di test in programma la prossima settimana per sistemare il setting della Desmosedici. “Abbiamo migliorato molto la moto per il 2020. Certo, abbiamo piazzato quattro Ducati nei primi quattro posti nei test di Sepang nel 2019. Ma in questa stagione ci troviamo nella situazione di conoscere e capire i nuovi pneumatici Michelin”, ha aggiunto Paolo Cabatti. “È sempre bello ottenere un buon tempo sul giro. Questo è positivo, non solo per i media ma anche per il team. Ma ora abbiamo molta esperienza e sappiamo che i risultati finali del test di Sepang non rappresentano un indicatore per la stagione successiva. Guardate Bagnaia nel 2019: da debuttante arrivò secondo nel test in Malesia. Fare un giro veloce è una cosa. Ma andare costantemente forte sulla distanza di gara è un’altra storia”.

Paolo Ciabatti
Paolo Ciabatti (getty images)