Il nostro autodromo di Imola si candida a sostituire il Gran Premio di Cina di Formula 1 sospeso per via del coronavirus: avanzata la proposta alla Fia

La griglia di partenza del Gran Premio di Imola 2006 di Formula 1 (Foto Ferrari)
La griglia di partenza del Gran Premio di Imola 2006 di Formula 1 (Foto Ferrari)

Per ora è soltanto un’ipotesi. Anzi, verrebbe da dire, una proposta indecente, avanzata alla Federazione internazionale dell’automobile. Ma i primi passi sono già stati mossi, anche a livello ufficiale: l’autodromo di Imola ha presentato la sua manifestazione d’interesse per ospitare un Gran Premio di Formula 1 già in questa stagione, nel caso in cui un’altra tappa del Mondiale dovesse definitivamente saltare.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’appuntamento in Cina previsto il prossimo 19 aprile è stato infatti già sospeso, quello in Vietnam del 5 aprile rischia seriamente di fare la stessa fine: entrambi messi in dubbio dall’esplosione dell’epidemia di coronavirus in quella zona dell’Asia. Il gruppo Liberty Media, organizzatore della serie regina delle quattro ruote, ha promesso il suo massimo impegno per cercare una data alternativa per disputare comunque queste due corse (anche a costo di prolungare questo già lunghissimo calendario anche a dicembre); in caso contrario potrebbe ridurre a ventuno GP la stagione che si appresta a cominciare.

Leggi anche —> Coronavirus, ora a rischiare la cancellazione è il Gran Premio del Vietnam

Imola si candida a sostituire Shanghai in F1

Ma esiste anche una terza alternativa, per salvare il campionato più lungo di sempre con i suoi ventidue eventi: quella di sostituire uno (o entrambi) i circuiti in questione con altre piste. Ed è proprio contando su questa opportunità che Imola ha deciso di farsi avanti. Lo ha rivelato oggi la Gazzetta dello Sport, svelando i piani dell’autodromo intitolato ad Enzo e Dino Ferrari.

Non si tratta di un salto nel buio, beninteso: è vero che il tracciato emiliano è assente dal Mondiale di Formula 1 dall’ormai lontano 2006, ma è altrettanto vero che la Fia lo ha omologato come impianto di Grado 1, ovvero in grado di poter ospitare un GP. Naturalmente tutto questo non basta per poter attirare il massimo campionato: bisognerebbe eseguire dei lavori di adeguamento e ristrutturazione e trovare uno sponsor che copra gli ingenti costi (magari la Regione o un altro ente pubblico). I tempi sono strettissimi e l’impresa sarebbe tutt’altro che semplice. Ma intanto vale la pena di provarci, o almeno così devono aver pensato i vertici imolesi.

La corsia dei box del Gran Premio di Imola 2006 di Formula 1 (Foto Ferrari)
La corsia dei box del Gran Premio di Imola 2006 di Formula 1 (Foto Ferrari)