Superbike, Razgatlioglu fissa l’obiettivo per Phillip Island

Toprak Razgatlioglu si trova a proprio agio in Yamaha e ambisce a disputare un campionato mondiale Superbike 2020 da protagonista fin dal primo round in Australia.

Toprak Razgatlioglu
Toprak Razgatlioglu (©Getty Images)

Yamaha vuole fare un salto di qualità nel 2020. Sia in MotoGP che in Superbike le aspettative sono molto elevate. La casa di Iwata vuole tornare a giocarsi entrambi i titoli a distanza di anni dall’ultima volta.

Per quanto concerne il campionato mondiale SBK, c’è una nuova R1 con delle evoluzioni interessanti rispetto al modello precedente. E l’arrivo di Toprak Razgatlioglu nel team ufficiale ha rappresentato una grande operazione. Il giovane talento turco è cresciuto tantissimo nel 2019 e sembra pronto a stare costantemente nelle prime posizioni. Il feeling con la nuova moto è apparso buono nei test.

Leggi anche -> SBK, Alvaro Bautista: “Non invidiamo nulla a un team MotoGP”

Superbike 2020, Razgatlioglu crede nel progetto Yamaha

Razgatlioglu è decisamente carico per il campionato WorldSBK 2020, pensa di essere nella squadra giusta per puntare in alto: «Per la prima volta sono in un team ufficiale e mi sto sentendo molto bene qui. Devono conoscere ancora tutte le persone, però sono felice e ci divertiamo. Anche la moto è nuova per me. La R1 2020 non è troppo diversa dalla precedente, ma ci sono miglioramenti. Sento che è facile curvare e mi trovo meglio anche a livello di potenza. Sto imparando e miglioro giro dopo giro».

Il suo capo-tecnico è Phil Marron, che lo ha affiancato già nel 2019 nel team Puccetti Kawasaki. Per lui è una figura molto importante: «Lavoriamo bene insieme e sono contento che sia con me. Mi conosce e sa cosa mi serve per essere veloce. Lui è quello che mi ha capito di più e infatti i risultati sono stati diversi».

Negli anni precedenti Toprak non aveva un compagno di squadra, invece ora divide il box con Michael van der Mark. Rapporti molto buoni tra loro: «Sono fortunato – spiega – perché è un bravissimo ragazzo. So che in pista combatteremo duramente, ma fuori siamo amici e ci sentiamo come fratelli».

Inevitabile parlare degli obiettivi per il campionato mondiale Superbike 2020. Razgatlioglu non si sbilancia eccessivamente: «Intanto voglio provare a salire sul podio già a Phillip Island. Farcela nel primo round della stagione dà una buona sensazione. Poi cercherò di fare del mio meglio e vedremo dove arriverò». Vedremo se già in Australia riuscirà ad essere protagonista.

toprak razgatlioglu superbike
Toprak Razgatlioglu subito a proprio agio nel team Pata Yamaha WorldSBK e in sella alla R1