Chi vuol essere milionario, concorrente corregge la domanda

Chi vuol essere milionario, un concorrente ha contestato una domanda, sottolineando un errore commesso dagli autori

Gerry Sscotti Chi vuole essere milionario
Gerry Scotti a Chi vuol essere milionario (foto dal web) 

A ‘Chi vuol essere milionario’, capita di sbagliare. Anche agli autori delle domande. Un concorrente ha infatti sottolineato, nel corso di una delle ultime puntate, un errore in uno dei quesiti. Al concorrente Alessandro è capitata la domanda: “Quale di queste metafore animalesche non trae propriamente origine dal nome di un animale?”. Le risposte possibili erano: testardo come un mulo, sano come un pesce, cieco come una talpa, piangere come un vitello. “Non si tratta di metafore, ma di similitudini”, ha spiegato Alessandro al conduttore Gerry Scotti. La differenza sta infatti nell’utilizzo dell’avverbio di paragone ‘come’. Il concorrente ha poi indovinato la risposta da 30mila euro, che era ‘piangere come un vitello’, per poi però arrendersi alla domanda da 70mila e tornare a casa con un assegno da ‘soli’ 20mila euro.