Sebastian Vettel ha studiato il suo 2019 per comprendere e risolvere gli errori commessi. E ora ha tempo per garantirsi il futuro in Ferrari

Sebastian Vettel con la tuta della Ferrari 2020 (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel con la tuta della Ferrari 2020 (Foto Ferrari)

“Vettel è la nostra prima scelta”. Che si tratti di un contentino, di una semplice dichiarazione diplomatica o della pura verità, così il team principal della Ferrari ha liquidato il problema del suo pilota alla vigilia della stagione 2020. Almeno per ora.

Leggi anche —> Dilemma Ferrari: Vettel o Hamilton? Binotto parla chiaro sul mercato piloti

Già, perché pur potendo vantare un palmares da quattro volte campione del mondo, con il suo rendimento discontinuo e deludente Sebastian è precipitato alle spalle del suo giovane e arrembante compagno di squadra Charles Leclerc nel corso della passata stagione. Sia nelle attuali gerarchie che in quelle future, visto che il Piccolo principe ha già intascato il rinnovo fino al 2024, mentre lui è in scadenza di contratto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Vettel ha imparato dai suoi errori

E anche se Binotto predica che i due partiranno alla pari, per evitare mugugni e tensioni già oltre il livello di guardia nel box, è facile intuire che sarà proprio il tedesco la vittima sacrificale designata nei casi più delicati. Il diretto interessato, però, di arrendersi, di salutare anzitempo Maranello o di vivere da separato in casa non sembra avere alcuna intenzione.

Anzi, Vettel ha passato l’inverno a ristudiare “intensamente” il campionato 2019, per analizzare i (troppi) errori commessi e cercare di risolverli. “Si cerca sempre di sistemare qualche dettaglio”, ha dichiarato alla tv teutonica Rtl il campione 32enne, “ma alla fine è stato tutto il team che non si è rivelato abbastanza forte. Anche da parte mia non è stato un anno buono, semplicemente non è andato bene”.

E ora vuole riprendersi la Ferrari

Dunque, ora il primo obiettivo di Seb è quello di rilanciarsi nel 2020. Il secondo è quello di garantirsi un futuro a lungo termine: “La situazione è questa. Stiamo parlando del 2021, ma non è nemmeno iniziato il 2020. Penso che ci sarà tempo per discuterne”. Binotto ha preannunciato che le trattative per l’eventuale prolungamento della permanenza di Vettel in Ferrari si apriranno dopo le prime gare della stagione. E il pilota di Heppenheim è d’accordo: “Se confronto la situazione a quella di tre anni fa, non avevo un contratto in mano fino ad agosto. Non credo che cambi molto. Ad un certo punto dovremo risolvere la questione del mio futuro, ma penso che abbiamo ancora molto tempo”. Si vedrà, dunque.

Leggi anche —> Vettel: “Mi sento italiano, ecco com’è cambiata la Ferrari SF1000” (VIDEO)

Sebastian Vettel alla presentazione della Ferrari SF1000 (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel alla presentazione della Ferrari SF1000 (Foto Ferrari)