Leclerc: “Non sono il pilota da battere, ma vi dico cosa voglio in futuro”

0
75

Charles Leclerc vola basso in vista del 2020. Il pilota monegasco però in futuro vuole diventare il numero uno in Formula 1.

Charles Leclerc (Getty Images)
Charles Leclerc (Getty Images)

Charles Leclerc dopo l’ottimo campionato 2019 lancia l’offensiva al Mondiale. Il monegasco, forte del rinnovo già firmato con Ferrari sino al 2024 vuole prendersi anche in pista i gradi di capitano di un team che sembra già puntare tutto su di lui per il presente e il futuro.

Come riferisce La Repubblica però, a chi gli chiede se sarà proprio lui il pilota da battere in questo 2020, Leclerc ha così risposto: “Sarei un arrogante se lo dicessi, sono ancora molto giovane e non ho l’esperienza che hanno Seb e Hamilton. Però un giorno spero di esserlo. Anzi tra poco vorrei diventare il migliore. Quest’anno avrò un approccio diverso, ho imparato da tutto il team e da Seb. In questo momento però è difficile prevedere a cosa potremo ambire”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Leclerc sogna il titolo

Il monegasco ha poi proseguito: “L’errore più grave che ho fatto l’anno scorso è stato senza dubbio quello di Baku in Q2. Devo crescere anche nella gestione della gara e delle strategie. Credo di avere ancora dei margini di miglioramento. Vorrei però crescere soprattutto nella visione della gara”.

Infine Charles Leclerc ha così concluso: “Sapere che guiderò una Ferrari per altri cinque anni è fantastico. Questo però non significa che i risultati arriveranno in automatico. Dobbiamo lavorare duramente perché non abbiamo certezze sugli obiettivi. Questo è un progetto a lungo termine che ci può portare a creare una relazione forte che speriamo ci porti a tanti successi. Io e Seb abbiamo capito la lezione del Brasile. Entrambi ci terremo con più margine possibile per evitare il ripetersi di situazioni simili. Cose come quelle di Interlagos non devono più accadere”.

Leggi anche —> Leclerc studia la ricetta per il titolo: “Devo imparare dagli errori” (VIDEO)

Antonio Russo

Leclerc (Getty Images)
Leclerc (Getty Images)