Gigi Dall’Igna ha fatto il punto sull’attuale situazione in MotoGP. Secondo l’ingegnere italiano Ducati soffre le nuove gomme Michelin.

Dall'Igna (Getty Images)
Dall’Igna (Getty Images)

La Ducati nei primi test non si è dimostrata di certo pimpante. La moto prodotta a Borgo Panigale soffre in maniera particolare il nuovo pneumatico Michelin che dà maggiore grip. I problemi patiti dalla Rossa però sono stati più o meno gli stessi avuti anche dalla Honda, che ha però avuto anche un Marquez a mezzo servizio a causa dei postumi dell’infortunio alla spalla.

A differenza di Ducati e Honda, invece, Yamaha e Suzuki sembrano trovarsi ottimamente con la nuova gomma. Resta da capire a questo punto se con gli assetti giusti i valori in pista saranno gli stessi visti durante i test.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dall’Igna: “Conviene valutare bene quello che succede”

Come riportato da “Sky Sport”, Gigi Dall’Igna ha così dichiarato: “Credo che i giochi, per quanto riguarda i piloti non Ducati siano già fatti. Sicuramente noi ci prendiamo il tempo per valutare insieme anche ai nostri piloti cosa fare per le prossime stagioni. Credo che arrivati a questo punto convenga un po’ valutare bene quello che succede prima di prendere le decisioni che riguardano il 2021 e 2022. Siamo ancora ad inizio stagione e credo che ci sia tutto il tempo per pensarci”.

L’ingegnere italiano ha poi proseguito: “Probabilmente la nuova gomma ha penalizzato noi e Honda insieme rispetto a tutti gli altri. Io però non credo che alla fine ci penalizzerà. Dal test di Sepang abbiamo capito un po’ di cose. Sicuramente non avevamo l’assetto ideale per quella condizione, ma mi aspetto che solamente migliorando l’assetto riusciremo a migliorarci rispetto a Sepang. Abbiamo delle idee e bisognerà implementarle, ma sono fiducioso per la prima gara”.

Antonio Russo

Gigi Dall'Igna (Getty Images)
Gigi Dall’Igna (Getty Images)