Jack Miller e la previsione sul Mondiale MotoGP 2020

0
235

Jack Miller guarda con ottimismo alla stagione 2020 e punta dritto al team factory: “Sarà una buona annata per noi”.

Jack Miller a Sepang (Getty Images)
Jack Miller a Sepang (Getty Images)

Jack Miller ha lasciato la Malesia con un largo sorriso dopo l’ottima prestazione nei test MotoGP. L’australiano non ha entusiasmato in quanto a ritmo gara, ma sul giro secco ha chiuso la tre giorni rispettivamente al quinto, secondo e ottavo posto. Serve ancora tempo per abituarsi al nuovo pneumatico soft della Michelin, ma in sella alla Ducati Desmosedici GP20 si sente a suo agio.

Non soffre dei problemi riscontrati da Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, segno che lo stile di guida conta non poco nel feeling con i prototipi odierni. Le prospettive per il 2020 sono “abbastanza buone, credo, siamo stati veloci in tutti e tre i giorni”, ha ammesso Jack Miller. “Passo dopo passo siamo sempre più a nostro agio con la moto. La moto stessa funziona davvero bene. Costante, potente… Sono in grado di metterla più o meno dove voglio, una volta che abbiamo sistemato l’equilibrio e la geometria”.

A Losail dovrà semplicemente proseguire su questa linea per raccogliere altri risultati e del resto il prossimo circuito sembra adattarsi bene alle sue caratteristiche. Ma anche Jack Miller nota un deciso passo avanti delle Yamaha: “Sono stati abbastanza costanti per tutto il fine settimana”. Non si attendono che conferme dal prossimo test, l’ultimo prima dell’inizio del Mondiale previsto per l’8 marzo. “Penso che il Qatar sarà qualcosa di diverso, avremo la sabbia in pista e cose del genere, quindi sarà interessante vedere cosa possiamo fare lì con un po’ meno grip”.

La nuova gomma soft

Jack Miller non crede che la nuova gomma posteriore della Michelin favorisca alcuni costruttori piuttosto che altri. L’australiano non ama nascondersi dietro alibi: “Penso che se riesci a imparare a guidare e impostare la moto è una buona gomma. È solo una questione di equilibrio e puoi ottenere un grande vantaggio da questa gomma, che penso sia la maggior aderenza”.

Per capire se davvero qualcuno potrà beneficiarne più di altri bisognerà attendere la prima gara. Tutto sommati sarà una stagione da dentro o fuori per Jack, che punta ad un team factory per il 2021. “Penso che sia un buon anno per noi. Dovremo solo tenere i piedi per terra e continuare a lavorare verso l’obiettivo principale”.

Leggi anche —> MotoGP, Gigi Dall’Igna conferma: “Ducati ha parlato con Vinales”

Miller (Getty Images)
Miller (Getty Images)