Dopo la vergogna assoluta del Festival di Sanremo, anche la F1 e in particolare la Ferrari hanno deciso di adeguarsi ai richiami del finto femminismo.

Ferrari (©Getty Images)

Non era bastata la carrellata di interventi inutili e banali come quello della super plastificata Diletta Leotta sul palco dell’Ariston, anche il Circus ha voluto aggiungere del carico. In realtà più che la categoria ci ha pensato la Rossa, la quale, nel pieno rispetto dell’arretratezza culturale del nostro Paese, ha fatto sapere che in occasione della presentazione della monoposto 2020 di questo martedì sera, si immolerà alla causa femminista e farà partecipare anche le donne della Gestione Sportiva.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Una cosa in apparenza normalissima che, invece, essendo stata annunciata in maniera plateale ci fa capire come in Italia, in tutti i campi e in tutte le classi sociali, si sia tutt’ora ancorati alla suddivisione uomini e donne, perdendo di vista il vero nocciolo della questione ovvero che siamo tutti esseri umani, punto e basta.

Al Teatro Valli di Reggio Emilia, dunque, stasera, non solo andrà in scena una prima visione assoluta con il boss Mattia Binotto e i due piloti ufficiali della Ferrari Sebastian Vettel e Charles Leclerc pronti a togliere i veli alla nuova SF1000, bensì pure una sfilata di “ladies” tirate fuori dalla naftalina per far capire al mondo che a Maranello non esistono figli di un Dio minore.

Peccato solo che, l’aver voluto divulgare questa scelta come una notizia da prima pagina, non abbia fatto altro che sottolineare le differenziazioni che continuiamo ad applicare in tutto; e non parliamo della tempistica questionabile dato che segue di pochi giorni lo scempio di Sanremo, già di per sé traumatico per chi ama la musica vera, che ha voluto cavalcare l’onda negativa dei femminicidi,  e quant’altro giusto per raggranellare un po’ più di audience.

Davvero frustrante, soprattutto sapendo che basterebbe pochissimo per risolvere ed eliminare una volta per tutte le nostre ristrettezze mentali.

Le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel in pista (Foto Ferrari)
Le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel in pista (Foto Ferrari)

Chiara Rainis