Takuma Aoki, che corse nel Motomondiale prima di rimanere paralizzato in un incidente, correrà nel campionato elettrico Jaguar iPace eTrophy

Takuma Aoki con la Jaguar iPace dell'eTrophy (Foto Jaguar)
Takuma Aoki con la Jaguar iPace dell’eTrophy (Foto Jaguar)

La sua fu una breve ma intensa carriera nel motociclismo: vinse una gara nel Mondiale Superbike da wild card, nel suo Giappone, poi disputò una stagione intera in classe 500 con la Honda, nel 1997, portando a casa anche tre podi. Poi un destino sfortunatissimo mise fine troppo presto ad una storia agonistica più che promettente: nel 1998, un incidente in moto lo lasciò paralizzato dalla vita in giù, in sedia a rotelle.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ma Takuma Aoki non si è mai arreso: anzi, ha continuato a partecipare a gare motoristiche, disputando ad esempio la Dakar nel 2009, il Rally Cross Country Asia nel 2016 e la Le Mans Cup in categoria Lmp3 l’anno passato. Oggi l’ex pilota del Motomondiale è pronto ad abbracciare una nuova sfida: il Jaguar iPace eTrophy, il monomarca elettrico che fa parte delle categorie di contorno della Formula E.

Aoki primo pilota disabile in una categoria elettrica

Aoki diventerà così il primo disabile a partecipare ad una categoria internazionale per vetture elettriche, difendendo i colori del team Yokohama Challenge alla guida di una Jaguar modificata per l’occasione con i comandi al volante, dall’officina italiana Guido Simplex e da M-Sport. Sulla colonna dello sterzo è stato montato un attuatore che gli permette di accelerare e di frenare senza dover usare i pedali.

E così Aoki è ora pronto a prendere parte a questa nuova categoria a partire dalla terza gara della stagione, in programma il prossimo sabato 15 febbraio a Città del Messico. “Sono molto emozionato, è la mia prima volta nelle corse elettriche”, commenta lui. “Tutti affrontano le loro sfide nella propria esistenza, ma ora io posso dimostrare una volta di più che la vita non finisce e che si può continuare a inseguire i propri sogni anche quando si è paralizzati. Non vedo l’ora di correre in Messico contro questi piloti così esperti”. E allora buona fortuna, Takuma!

Takuma Aoki al volante della Jaguar iPace dell'eTrophy (Foto Jaguar)
Takuma Aoki al volante della Jaguar iPace dell’eTrophy (Foto Jaguar)