Dal “non è Dio”, ai record di Schumacher: Hamilton re d’inverno in F1

0
69

Dal GP di Abu Dhabi il nome di Lewis Hamilton è stato il più chiacchierato della F1. Da chi lo definisce alla pari con Schumacher, a chi gli ricorda che non è Dio.

Lewis Hamilton (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)
Lewis Hamilton (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)

Tornato a parlare in pubblico nei giorni scorsi per condividere con il mondo di aver perso altri cinque chili per rendere il pacchetto Mercedes – pilota ancora più forte e vincente rispetto al già glorioso 2019, e di essersi riappacificato con papà Anthony col quale erano nate delle frizioni nel periodo in cui era il suo manager, Ham non ha mai smesso di far discutere i colleghi e coloro che lo frequentano.

Unico rappresentante delle Frecce d’Argento a fare veramente paura per la lotta al titolo che scatterà dal prossimo 15 marzo in Australia, il britannico, in queste lunghe settimane di pausa, è stato bersaglio di alcune da bordate da parte dei rivali. La più famosa e colorita, senz’altro quella di Max Verstappen, uno che di certo da Melbourne tirerà fuori gli artigli per tentare di fare piazza pulita delle due Ferrari di Leclerc e Vettel, e dedicarsi anima e corpo alla preda più gustosa.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lewis è piuttosto competitivo, uno dei migliori, però non è Dio e io so di poterlo battere. Insomma, Dio sarà con lui, ma lui non è Dio“, la particolare stoccata dell’olandese della Red Bull.

Leggi anche —> “Hamilton si può battere, non è un dio”: il rivale gli dichiara guerra

Dal lato opposto, mentre il #33 ha negato le sue qualità da Altissimo, qualcun altro ha pensato di elevare Hamilton ad un altro big del Circus visto che ormai è ad un tiro di schioppo dal suo record di mondiali conquistati.

Vederlo ottenere il settimo sigillo sarebbe frustrante perché raggiungerebbe Michael (Schumacher, ndr), ma se continua così si merita di riuscirci“, l’endorsement pronunciato da Ross Brawn che ha voluto riconoscere le qualità e la professionalità del driver di Stevenage minimizzando l’effetto fortuna e bolide stratosferico sotto il deretano.

Lewis Hamilton (Foto Lat Images/Mercedes)
Lewis Hamilton (Foto Lat Images/Mercedes)

Chiara Rainis