MotoGP, Valentino Rossi: “Lavoro con Jorge Lorenzo, può aiutarci tanto”

0
230

Valentino Rossi concentrato sul lavoro di sviluppo della nuova Yamaha M1. Nel test MotoGP di Sepang importante è anche la collaborazione con Jorge Lorenzo, nuovo collaudatore.

Valentino Rossi test Sepang MotoGP
Valentino Rossi (Getty Images)

Decimo tempo ieri e decimo anche oggi per Valentino Rossi nel test MotoGP a Sepang. Il Dottore ha accusato 544 millesimi di ritardo dal Fabio Quartararo, autore del crono migliore pure nella giornata odierna.

Il nove volte campione del mondo ha proseguito il lavoro di sviluppo previsto dal team Monster Energy Yamaha. Nel box ci sono due M1 versione 2020 e c’è tanto da fare per ridurre il gap da Honda e Ducati. Le impressioni del primo giorno in Malesia erano state positive, però era importante fare progressi oggi.

Leggi anche -> MotoGP, Marquez non sa spiegare la caduta: “Non ero veloce”

MotoGP, test Sepang: il pensiero di Valentino Rossi

Rossi al termine del Day-2 del test MotoGP a Sepang ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: «Tutti gli avversari sono veloci, ma non siamo lontani dalla vetta. Il secondo giorno è stato migliore del primo – riporta Speedweek – perché abbiamo potuto lavorare di più con la nuova moto. Sono riuscito a percorrere più chilometri, acquisendo più esperienza e conoscenza sulla M1. Il ritmo con le gomme sembra buono».

Nella giornata di ieri la pioggia aveva ostacolato un po’ il lavoro, invece oggi è andato tutto liscio. Valentino ha percorso 60 giri, raccogliendo molte informazioni importanti: «La moto 2020 ha un potenziale maggiore rispetto alla 2019. Ma dobbiamo continuare a lavorare, anche le altre sono competitive. Honda, Ducati e Suzuki vanno molto veloce. Non possiamo rilassarci, anche se la direzione presa sembra quella giusta».

Il nove volte campione del mondo non ha citato la KTM, che però oggi con il tester Daniel Pedrosa ha chiuso terza e con Pol Espargarò ottava: «Ho visto Dani in pista, è molto veloce e ha fatto un tempo impressionante. Volendo potrebbe anche gareggiare, è più giovane di me ed è molto competitivo. Sembra che anche KTM sia migliorata».

Il Dottore ha avuto modo di confrontarsi con Jorge Lorenzo, nuovo collaudatore Yamaha, in questi giorni. La presenza del maiorchino è importante secondo lui: «Abbiamo parlato molto in queste giornate. Lavoriamo insieme e ha detto cose interessanti sulla Yamaha. È importante che domani sia in pista, può aiutarci a rendere migliore la moto».

Rossi lavora intensamente per raggiungere un livello che gli permetta di continuare a correre anche nel 2021. Un aspetto che Yamaha doveva migliorare era il motore e qualche piccolo progresso c’è stato, anche se serve un passo ulteriore: «Ci serve più velocità sui rettilinei. Ma abbiamo avuto pure problemi di aderenza in passato, soprattutto al posteriore. Il nuovo telaio dovrebbe aiutarci. Anche le nuove gomme Michelin sono utili».

Lorenzo, Rossi e Vinales (Getty Images)
Lorenzo, Rossi e Vinales (Getty Images)