Il riscatto agevolato della laurea vi farà andare in pensione prima

0
562

Riscattando in modo agevolato la laurea, la pensione può arrivare prima. E’ importante sapere che esiste un iter agevolato per farlo oltre a degli sconti fiscali che possono rendere più interessante l’operazione.

Il riscatto agevolato della laurea vi farà andare in pensione prima
Lavagna (foto Pixabay)

Il riscatto agevolato spetta, in presenza dei requisiti di legge, a tutti i lavoratori che siano iscritti ad almeno una delle gestioni Inps, non essendo sufficiente l’iscrizione a una cassa professionale.

Il riscatto agevolato è stato introdotto dal decreto legge n. 4/2019, convertito dalla legge 26/2019 e ha reso meno costoso il recupero a fini previdenziali degli anni dell’università: in questo modo si può andare in pensione prima con un assegno più alto a paragone con gli altri tipi di pensione anticipata.

Con la circolare n. 6 del 2020 l’Inps ha precisato che è possibile riscattare anche gli anni di studio antecedenti al 1996 ma vediamo meglio in che modo questo è vero.

Leggi anche —>Sono esplose le pensioni anticipate

Quali titoli si può riscattare e come funziona l’iter

Si può riscattare i seguenti titoli:

  • diploma universitario (2-3 anni di durata);
  • la laurea triennale;
  • la laurea quadriennale o a ciclo unico;
  • il diploma di specializzazione post-laurea;
  • il dottorato di ricerca (nel caso in cui siano stati versati i contributi alla gestione separata Inps).
    Inoltre, si può anche chiedere il riscatto solo per parte dei periodi interessati.

Non si possono invece riscattare gli anni fuori corso.

I requisiti non sono banali: non solo il lavoratore deve essere iscritto all’Inps ma la gestione in cui viene richiesto il riscatto dovrà risultare già esistente nel periodo del corso legale di studi. Inoltre, il riscatto non copre eventuali periodi già sottoposti a contribuzione come nel caso degli studenti lavoratori.
Il periodo da riscattare dovrà fare riferimento a studi effettuati al 1° gennaio 1996 anche se è bene ribadire che la circolare n. 6 del 22 gennaio 2020 dell’Inps ha precisato che chi ha meno di 18 anni di contributi alla fine del 1995 può comunque esercitare l’opzione per il metodo contributivo (articolo 1, comma 23, legge 335/1995) e applicare alla sua intera carriera il metodo introdotto dalla Riforma Dini. Tutto vero ma così facendo per i pre 1995 l’importo della pensione sarà più basso.

Se è richiesto entro il 2020 il riscatto agevolato costa ogni anno 5.260 euro, somma che è integralmente deducibile ai fini fiscali.

Il riscatto agevolato della laurea vi farà andare in pensione prima
Laurea (foto Pixabay)