Marc Marquez nel test MotoGP di Sepang sta facendo i conti con una spalla destra ancora non perfettamente funzionante. Ma il pilota Honda rimane positivo.

Marc Marquez test MotoGP Sepang Honda
Marc Marquez (©Getty Images)

I test MotoGP 2020 non iniziano nel migliore dei modi per Marc Marquez. Infatti, l’otto volte campione del mondo ha la spalla destra non ancora al 100%. Si è operato a fine novembre, però il recupero non è completo e serve del tempo.

Il pilota spagnolo ha chiuso con il 12° tempo questo primo giorno di test a Sepang. Di 731 millesimi il distacco dal leader Fabio Quartararo. Comunque più che i crono di queste prime giornate, è importante arrivare pronti per l’inizio del campionato in Qatar. L’obiettivo del fenomeno di Cervera è proprio questo.

Leggi anche -> MotoGP, Valentino Rossi felice della nuova Yamaha: “Motore migliorato”

MotoGP 2020, test Sepang: parla Marc Marquez

Marquez, autore di 35 giri oggi, si è così espresso al termine del Day-1 in Malesia: «Dopo l’intervento ho più dolore – riporta Speedweekma anche più forza nella spalla. Me lo aspettavo, c’è un muscolo che non è ancora al meglio. Inizialmente non avevo una posizione ideale sulla moto, solo in seguito sono riuscito a guidare con più energia. Quando mi sono fermato non ero contento del tempo, però devo essere calmo e paziente».

Un grande campione come lui non è abituato a girare con un po’ di freno a mano tirato. Tuttavia, sa che deve salvaguardare la spalla ed evitare rischi inutili progredendo passo dopo passo: «Ho raggiunto un primo obiettivo oggi. Volevo fare 30-35 giri. Domani intendo farne 45. Poi vedremo come andrà per domenica. Non posso dire ora come starò in Qatar all’inizio del campionato».

Il pilota del team Repsol Honda MotoGP è ottimista in merito al miglioramento delle sue condizioni fisiche per la prima gara a Losail: «La sensazione generale è migliore rispetto a un anno fa. Ma serve tempo per riattivare tutti i muscoli. Devo rimanere paziente. Un nervo non funziona ancora regolarmente, ma ci sono miglioramenti costanti e di conseguenza anche il muscolo funzionerà meglio. Non mi sento male sulla moto, possiamo già provare delle cose in vista del primo gran premio».

Il fenomeno di Cervera sa che deve avere pazienza e non forzare, adesso non serve: «La lezione importante del 2019 è che devo essere paziente. Non presterò molta attenzione ai tempi sul giro qui. Oggi se dovessi correre una gara non sarei in grado di concluderla. Ma il mio obiettivo è migliorare giorno per giorno. Devo lavorare con la moto e al tempo stesso prendermi cura del mio corpo. Ero indietro anche nei test 2019. La cosa importante è disporre di una buona base per il GP del Qatar. Abbiamo un mese, devo stare calmo».

Marquez non ha torto. Ciò che è importante è il weekend di gara del Qatar. Per quell’appuntamento servirà essere preparati, ma intanto in Malesia non deve spingersi oltre un determinato limite. Non ce n’è bisogno. Anche se non dovesse completare tutto il programma di lavoro previsto, il suo livello rimane così alto che comunque la concorrenza deve inseguire.

Marc Marquez test MotoGP
Marc Marquez (©Getty Images)