Caso Vannini | la svolta clamorosa dalla Cassazione

0
3512

Il Caso Vannini presenta un nuovo, inatteso colpo di scena. E tutto avviene per volontà della Corte di Cassazione. Gli ultimi aggiornamenti.

Caso Vannini
Nuova clamorosa svolta nel caso Vannini FOTO tuttomotoriweb

Il caso Vannini va riaperto. Ne è convinta la Corte di Cassazione, con il procuratore generale Elisabetta Ceniccola che chiede ufficialmente di annullare la sentenza emessa a suo tempo dalla Corte d’Assise d’Appello di Roma poco più di un anno fa agli imputati. Si tratta di tutti i componenti della famiglia Ciontoli, all’interno della cui villetta di Ladispoli Marco Vannini venne ferito a morte tra il 17 ed il 18 maggio del 2015. Antonio Ciontoli, il capofamiglia, ebbe in origine una condanna a 14 anni. Ma in ultimo grado la sua pena detentiva calò fino a 5 anni. La condanna passò da omicidio volontario ad omicidio colposo, ritenuto un reato più lieve. Per Martina – fidanzata di Marco Vannini – Federico – figlio di Antonio Ciontoli – e per la moglie di quest’ultimo, Maria Pezzillo, la condanna è invece di 3 anni, inflitti in primo grado e mantenuti, per omissione di soccorso e per concorso in omicidio colposo. Ma per la Cassazione questa vicenda risulta “gravissima e quasi disumana”.

LEGGI ANCHE –> Omicidio Marco Vannini, nuove intercettazioni: “La prima cosa da fare è togliersi tutte le proprietà”

Caso Vannini, la decisione della Cassazione

Il pg ha dichiarato quanto segue. “Il povero Marco Vannini non è morto per via di un colpo di arma da fuoco. Il suo decesso è da attribuire semmai ad un colpevole ritardo di 110 minuti nei soccorsi da parte della famiglia Ciontoli”. “Questo modo di agire da parte dei Ciontoli costituisce l’assunzione di una posizione di garanzia verso Vannini”. Tutto questo potrebbe comportare la riapertura del procedimento, con la necessità di dovere quindi celebrare un nuovo processo per cercare di stabilire come siano andate le cose ed in che modo punire gli eventuali responsabili.

LEGGI ANCHE –> Morto il padre di Meredith Kercher: circostanze misteriose