Helmut Marko, plenipotenziario della Red Bull, dice di no al ritorno di Sebastian Vettel nel suo team, ma gli apre clamorosamente le porte della Mercedes

Sebastian Vettel e Lewis Hamilton (Foto Giuseppe Cacace/Afp/Getty Images)
Sebastian Vettel e Lewis Hamilton (Foto Giuseppe Cacace/Afp/Getty Images)

Ormai oscurato dalla luce della stellina emergente Charles Leclerc, il futuro di Sebastian Vettel alla Ferrari sembra sempre più buio e incerto. Per questo motivo, il campione tedesco, il cui attuale contratto è in scadenza a fine stagione (come, del resto, quello della maggior parte degli altri piloti di punta), ha già iniziato a guardarsi intorno.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La scelta più logica per lui sarebbe stata quella di un ritorno al passato, ovvero alla Red Bull, il team che lo lanciò nei piani alti della Formula 1 e con cui vinse i suoi quattro titoli iridati. Non a caso, il 32enne è recentemente apparso a fianco del team delle Lattine, ospite della gara di coppa del mondo di sci a Kitzbuehel.

Vettel, no al rientro in Red Bull

Ma ci ha pensato il plenipotenziario Helmut Marko, suo scopritore e primo mentore, a sprangargli in faccia la porta di un eventuale rientro: “Sebastian voleva fingere che fosse possibile tornare da noi nel 2021”, ha dichiarato ai microfoni della rivista specializzata tedesca Auto Bild. “Ma lui è un quattro volte campione del mondo che avanza determinate pretese finanziarie e, siccome abbiamo appena firmato un contratto a lungo termine con Max Verstappen che non è esattamente a buon mercato, non possiamo permetterci un secondo peso massimo. Dovrebbe accontentarsi di pochi soldi, e non possiamo chiederglielo”.

Leggi anche —> Vettel, il ritorno di fiamma non s’ha da fare: Red Bull gli chiude la porta

Marko sgancia la bomba Mercedes

Ma, nello stesso momento in cui Marko è parso chiudere una porta davanti a Vettel, potrebbe avergli anche spalancato un portone. L’ex pilota e oggi manager austriaco, infatti, ha rivelato che un’opzione realistica per il futuro del ferrarista è quella della Mercedes. “Sebastian si trova in una specie di trappola di mercato”, ha analizzato. “La Ferrari si è legata a Leclerc, noi ci siamo legati a Max. Sebastian può solo andar forte in questa stagione, e credo che lo farà, se avrà a disposizione una macchina adatta al suo stile di guida. E, se batterà nettamente Leclerc, la Ferrari dovrebbe ripensare a lui. E poi sarebbe interessante anche per la Mercedes, e il suo passaporto tedesco non sarebbe certamente un ostacolo”.

Insomma, la nuova clamorosa ipotesi che si affaccia su questo incerto scenario di mercato piloti, avanzata da un pezzo da novanta del paddock, è quella di un Sebastian Vettel alla Mercedes, o in un ipotetico dream team con Lewis Hamilton, o addirittura come sostituto dell’anglo-caraibico nel caso in cui le trattative per il rinnovo del sei volte iridato si bloccassero davvero per le sue eccessive pretese economiche. Decisamente un’ipotesi affascinante…

Leggi anche —> Il futuro di Lewis Hamilton in Formula 1? “È solo una questione di soldi”

Sebastian Vettel e Lewis Hamilton (Foto Charles Coates/Getty Images)
Sebastian Vettel e Lewis Hamilton (Foto Charles Coates/Getty Images)