Un padre di 31 anni è stato arrestato in Russia con l’accusa di aver ucciso il figlio di soli 4 mesi somministrandogli una dose massiccia di sonnifero. L’uomo, che ha messo le proprie responsabilità, si trova ora in carcere.

Bambino
(Getty Images)

Terribile quanto accaduto a Pushkino, cittadina nell’oblast di Mosca, in Russia. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, un uomo di 31 anni avrebbe ucciso il proprio figlio di appena 4 mesi mettendo nel biberon di quest’ultimo una dose di un potente sonnifero. Il piccolo ingerita la dose massiccia del sonnifero è deceduto per avvelenamento. A fare la tragica scoperta è stata la madre della vittima che ha ritrovato il neonato senza vita ed ha chiamato i soccorsi, i quali non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. L’uomo, dopo aver inizialmente respinto le accuse, avrebbe ammesso le proprie responsabilità ed è stato arrestato con l’accusa di omicidio.

Leggi anche —> Dramma alle prime luci dell’alba: coppia ritrovata senza vita

Russia, padre stanco dei pianti del figlio cerca di sedarlo con un sonnifero: bambino di 4 mesi morto per avvelenamento

Un uomo di 31 anni è stato arrestato a Pushkino, cittadina nell’oblast di Mosca, in Russia, con l’accusa di aver ucciso il proprio figlio di soli 4 mesi. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, riportata dalla stampa locale e dal tabloid britannico The Sun, il 31enne Philip Batogov, un ingegnere elettronico, avrebbe messo nel biberon del piccolo Bogdan una dose massiccia di sonnifero per adulti cercando di sedarlo poiché stanco di sentirlo piangere. Il bambino ingerito il medicinale è deceduto per avvelenamento all’interno dell’abitazione della famiglia ed è stato ritrovato esanime dalla madre, la quale ha immediatamente contattato i soccorsi, ma purtroppo per il bimbo non c’è stato più nulla da fare. La causa del decesso è stata accertata dai medici che hanno riscontrato un forte dosaggio di sonnifero nel biberon con il latte. Batogov, come riporta The Sun, ha inizialmente respinto le accuse, ma successivamente ha ammesso le proprie responsabilità ed è stato arrestato con l’accusa di omicidio. Ora l’uomo si trova in carcere in attesa di processo e rischia, secondo la legge russa, sino a 15 anni di reclusione.

Leggi anche —> Coronavirus, passo falso della Cina: apparsi dati superiori a quelli ufficiali

Polizia russa
Polizia russa (Getty Images)