Olio ritirato, l’allarme del Rasff: prodotto già consumato, occhio al marchio

0
5589
olio extravergine volantini civetta
foto Ohga

L’allerta nazionale in Italia non è ancora arrivata, ma in via preventiva il Sistema rapido di allerta comunitario ha ritirato il prodotto

Il Sistema rapido di allerta comunitario (RASFF), nei giorni scorsi, ha diffuso l’allarme sulla presenza di inquinanti ambientali in Olio di sesamo commercializzato anche in Italia. Vi è un serio rischio per la salute dei consumatori in quanto il prodotto in questione contiene livelli troppo alti di benzo pirene e idrocarburi policiclici, che possono causare intossicazione. Nello specifico si tratta di Olio di sesamo da 150 ml, 360 ml e cinque litri del marchio cinese OH AIK GUAN. Il prodotto in questione è stato ritirato dalla vendita nei negozi Auchan. Preoccupante il fatto che una distribuzione più ampia non può essere esclusa. Alcuni dei prodotti sono già stati venduti al consumatore finale. Tuttavia, una distribuzione più ampia non può essere esclusa. Gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono composti organici. La formazione di IPA si verifica durante la combustione incompleta o la pirolisi di materia organica come legno, prodotti petroliferi, carbone o alimenti. Possono avere effetto cancerogeno sulla salute dell’uomo.

Olio ritirato, alcune regole da seguire

Gli operatori del settore alimentare (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato. In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo cioè deve informare i consumatori sui prodotti a rischio, anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita, e a pubblicare il richiamo nella specifica area del portale del Ministero della Salute. La pubblicazione del richiamo nel portale internet del Ministero è a cura della Regione competente per territorio, che lo riceve direttamente dall’OSA, previa valutazione della ASl. Oltre ai richiami di prodotti alimentari, sono pubblicate on line anche le revoche dei richiami successivi a risultati di analisi favorevoli, scadenza o per altri motivi.
Sono autentici e assolvono agli obblighi di informazione ai consumatori soltanto i richiami e loro revoche pubblicati nel portale del Ministero della Salute. Il Ministero della salute non è responsabile di avvisi non pubblicati nel portale e di eventuali manipolazioni o falsi diffusi on line, per i quali si riserva denuncia all’autorità giudiziaria.

olio ritirato
L’olio ritirato (foto dal web)

 

Leggi anche > Virus cinese, l’elenco degli alimenti pericolosi

Leggi anche > Gli alimenti che sbiancano i denti