È stato disposto il ritiro di un lotto di salame casereccio a marchio Salumi Vida per la possibile presenza di salmonella al suo interno. Il Ministero della Salute ha raccomandato ai consumatori di riportare indietro il salume.

Prodotto ritirato salame
(foto dal web)

Il Ministero della Salute ha reso noto il ritiro di un prodotto alimentare attraverso un avviso pubblicato sulla sezione del proprio sito “Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori” nella giornata di ieri, martedì 4 febbraio. Si tratta di un lotto di salame casereccio richiamato dagli scaffali per possibile rischio microbiologico per i consumatori. Nel dettaglio il provvedimento riguarda un lotto di Salame casereccio a marchio Salumi Vida venduto in pezzi da circa 1,8 chilogrammi. Il Ministero ha raccomandato nell’avviso ai consumatori di restituire il prodotto al punto vendita dove è stato acquistato.

Leggi anche —> Ministero della Salute aggiorna l’avviso sul ritiro di uova: rischio salmonella

Ministero della Salute rende noto il ritiro di un lotto di salame casereccio: possibile presenza di salmonella

Un lotto di salame casereccio è stato richiamato dal mercato per possibile rischio microbiologico. Nel dettaglio, come reso noto dal Ministero della Salute attraverso un avviso pubblicato sul proprio sito durante la giornata di ieri, il lotto è stato richiamato per la possibile presenza di salmonella al suo interno. Il prodotto oggetto del provvedimento è il salame casereccio a marchio Salumi Vida venduto in pezzi da circa 1,8 kg e prodotto dalla ditta Maggie s.rl. nello stabilimento di via Dei Laghi a Torreano, comune in provincia di Udine (marchio di identificazione I 1002 L). Il lotto interessato è identificato dal numero P193030 e data di scadenza o termine minimo di conservazione fissato al 1 novembre 2020. Il Ministero nell’avviso sul sito ha esortato i clienti che fossero già in possesso del prodotto a riportarlo indietro presso il punto vendita. La salmonella è un batterio molto comune responsabile di varie infezioni gastrointestinali, tra cui la salmonellosi e la setticemia. Questo batterio viene trasmesso all’uomo generalmente attraverso gli animali o loro derivati (uova, latte, carne) con il contatto o l’ingestione di cibi contaminati.

Leggi anche —> Ritiro pasta fresca dal mercato: l’avviso del Ministero della Salute

Salame casereccio
Il salame casereccio oggetto del ritiro (foto dal web)