Retromarcia Ferrari 2020: ora da Maranello filtrano news rassicuranti

0
13309

Le ultime notizie trapelate da Maranello sulla Ferrari 2020, a pochi giorni dalla presentazione, fanno riferimento a dati più incoraggianti dei precedenti

La Ferrari di Charles Leclerc in pista (Foto Ferrari)
La Ferrari di Charles Leclerc in pista (Foto Ferrari)

La Ferrari 2020 ha innestato la retromarcia. Dopo tante settimane in cui si ipotizzavano già prematuri allarmi, finalmente da Maranello iniziano a filtrare dati incoraggianti sulla neonata monoposto, che verrà presentata al mondo il prossimo 11 febbraio al teatro municipale Romolo Valli di Reggio Emilia.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

E si tratta di notizie più che attendibili, visto che a pubblicarle è stato proprio lo stesso giornalista che aveva espresso quegli iniziali timori: Leo Turrini, storica firma del Quotidiano nazionale, oltre che uno dei cronisti che vanta migliori fonti all’interno della Rossa. “Più confortanti le indicazioni dell’ultima settimana”, ha scritto sul proprio blog. “Ancora non è stata trovata la quadra, ma come già mi è capitato di spiegare ancora c’è tempo”. I tifosi della Rossa, dunque, possono iniziare a tirare un sospiro di sollievo: la nuova vettura non sembra nata sotto una stella così avversa.

Ultime indiscrezioni sulla Ferrari 2020

Turrini ha anche ribadito su quali fronti si sta indirizzando il lavoro degli ingegneri del Cavallino rampante: l’obiettivo fissato durante l’interno è sempre stato quello di rendere una monoposto che era già velocissima in rettilineo anche un po’ più competitiva nelle curve. “L’obiettivo, a parte i risultati, è avere una macchina ‘semplice’, non esposta a brusche variazioni di rendimento a seconda dei tracciati”, ha sottolineato il giornalista.

Tutto sembra risolto anche sotto il fronte del motore, che secondo alcuni osservatori aveva sofferto alcuni contraccolpi a seguito dei chiarimenti diramati dalla Federazione internazionale dell’automobile nella seconda metà della scorsa stagione, sulla base delle presunte irregolarità sospettate proprio sul propulsore della Scuderia. “A Maranello sono convinti di non avere alcun problema con le prestazioni della power unit”, prosegue Turrini. “Binotto è sicurissimo di non essere, quanto meno, inferiore a Mercedes e Honda”.

Infine, il cronista ha ridimensionato i timori sulle tensioni interne tra i due piloti: “Tra Vettel e Leclerc la relazione è meno accidentata di quanto si potesse temere dopo le turbolenze del 2019”. Insomma, un panorama complessivamente molto meno preoccupante di quello che si stava dipingendo negli ultimi tempi.

Leggi anche —> Ferrari 2020: dati poco incoraggianti, ma se fosse soltanto un bluff?

Le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel in pista (Foto Ferrari)
Le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel in pista (Foto Ferrari)