Pernat: “Lorenzo doveva tornare in Ducati, ecco poi cosa è successo”

0
491

Carlo Pernat è tornato a parlare in un’intervista rilasciata a Tuttosport del possibile ritorno in Ducati di Jorge Lorenzo in questa stagione.

Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)

Nei mesi scorsi, prima che Jorge Lorenzo prendesse la sofferta decisione di ritirarsi definitivamente dal mondo delle corse, si era spesso parlato che lo spagnolo sarebbe dovuto ritornare in Ducati per riabbracciare Gigi Dall’Igna, suo mentore. A quanto pare era già tutto scritto, ma poi qualcosa ha smosso i piani iniziali di Borgo Panigale che ha dovuto virare dritto nuovamente su Petrucci.

Come riportato da “Tuttosport”, Carlo Pernat ha così dichiarato: “La Ducati ha perso il Mondiale negli anni scorsi quando aveva nel team Dovizioso e Lorenzo. L’errore più grosso che potevano fare era mandare via Jorge che che aveva vinto con la Rossa e aveva spinto Dovi a fare le migliore gare della sua carriera. Il ritorno di Lorenzo in Ducati era già tutto fatto, poi la caduta di Assen ha rovinato tutto. Poi Jorge ha deciso di non voler più correre, ma pensavo che sarebbe andato a fare il tester a Borgo Panigale”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Pernat: “L’anti-Marquez non esiste”

Il manager genovese ha poi proseguito: “Questo sarà per Valentino l’anno della verità. Lui si è giocato un jolly pericoloso che potrebbe diventare un autogol. La moto va l’ha dimostrato Vinales e anche Quartararo e in parte Morbidelli. Vale dimostra sempre di essere in forma, quindi il problema era il team, ma cambiando capo-tecnico non ha più alibi”.

Infine Pernat ha così concluso: “L’anti-Marquez è come l’anti-Cristo: non esiste. L’unico che può batterlo è Quartararo. Il francese è giovane, forte, simpatico e sorridente, è lui che ha risvegliato dal torpore la Yamaha quando non andava più e ha costretto Rossi e Vinales a darsi una mossa e lo stesso agli ingegneri giapponesi”.

Antonio Russo

Lorenzo (Getty Images)
Lorenzo (Getty Images)