Penny Market, nota catena commerciale, fa sapere di avere tolto dagli scaffali un tipo specifico di pasta ritirata per rischio microbiologico.

Pasta ritirata
Un tipo di pasta ritirata da Penny Market FOTO tuttomotoriweb

La nota catena commerciale Penny Market ha diffuso la notizia in merito a della pasta ritirata per delle problematiche riscontrate in caso di assunzione da parte dei consumatori. L’aggiornamento è riportato anche nella lista dei richiami di prodotti alimentari aggiornata quotidianamente da parte del Ministero della Salute. Questo tipo di pasta ritirata è la ‘Tortelloni Prosciutto Crudo Fior di Pasta’, commercializzato da Penny Market s.r.l. e prodotto da Pastificio Dacena s.r.l. Lo stabilimento si trova a Brusaporto, in provincia di Bergamo. Comunicati anche altri dati importanti, come la data di scadenza ed il lotto di questo alimento, solitamente presente sugli scaffali dei punti vendita Penny Market in confezioni da un chilo di peso. Oltre che naturalmente il motivo del richiamo, che è da attribuire ad un non meglio specificato rischio microbiologico.

LEGGI ANCHE –> Ritiro pasta fresca dal mercato: l’avviso del Ministero della Salute

Pasta ritirata, le informazioni da conoscere

Il lotto di identificazione è il seguente: 8619003884. La data di scadenza o termine minimo di conservazione coincide invece con il 9 febbraio 2020. Per tutti coloro che dovessero accorgersi di avere questo prodotto in casa, sarà possibile ottenere un rimborso oppure una sostituzione con qualche altro prodotto. Basterà recarsi nel punto vendita dove è avvenuto l’acquisto, anche senza lo scontrino di riferimento. Che in casi come questo non è ritenuto necessario. Fior di Pasto è un marchio che appartiene proprio a Penny Market. I punti vendita di Penny Market presenti sul territorio italiano riguardano solo specifiche zone. In particolare il provvedimento riguarda i seguenti punti. Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Molise, Basilicata, Calabria e Puglia.

LEGGI ANCHE –> Tortelloni a rischio per la salute, ritirati dal mercato