Il Laboratorio di virologia dell’università di Padova ha ottenuto il primo test europeo per la diagnosi del coronavirus 2019-nCoV. Il test è stato realizzato seguendo le indicazioni fornite dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità).

Medico laboratorio
(Getty Images)

Gli scienziati del Laboratorio di virologia dell’università di Padova hanno ottenuto il test europeo per la diagnosi del coronavirus, il virus sviluppatosi in Cina che ha già fatto oltre 420 vittime. Il test, che risponde alle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), come riporta l’agenzia Ansa, è stato ottenuto nell’ambito della rete di laboratori europei Envid (European Network for Diagnostics of “Imported” Viarl Dideases), specializzata nello studio dei cosiddetti “virus da importazione”.

Leggi anche —> Coronavirus, sviluppata una mappa per monitorare l’epidemia

Coronavirus, ottenuto il primo test europeo per la diagnosi nel laboratorio di Padova: “Si colloca fra i migliori al mondo

È stato messo a punto il test europeo per la diagnosi del coronavirus 2019-nCoV, il virus cinese che si è sviluppato in Cina ed ha messo in allarme il mondo intero. Il test, come riporta l’agenzia di stampa Ansa, è stato ottenuto in Italia nel laboratorio di virologia dell’università di Padova e risponde alle indicazioni fornite dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità). Il laboratorio dell’Unipd fa parte della rete di laboratori europei Envid (European Network for Diagnostics of “Imported” Viarl Dideases), specializzata nello studio dei cosiddetti “virus da importazione”, come quelli della Febbre del Nilo Occidentale e del Dengue. Gli scienziati del laboratorio di Padova, come riporta Ansa, hanno applicato la proceduta che era stata recentemente fornita da Christian Drosten, dell’istituto di Virologia dell’Università Charité di Berlino e pubblicata sul sito www.eurosurveillance.org in un lavoro denominato “Detection of 2019 novel Coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT.PCR“. Il responsabile del laboratorio dell’università veneta, Andrea Crisanti ha commentato il risultato spiegando: “Abbiamo utilizzato le nuove sequenze del coronavirus depositate nelle banche dati internazionali“. Crisanti ha poi concluso: “È un test molto sensibile – riporta Ansa – e si colloca fra i migliori al mondo“. Intanto il bilancio dell’epidemia si è aggravato ulteriormente: si contano 462 vittime e 20.659 contagi.

Leggi anche —> Coronavirus, atterrato l’aereo con i 56 italiani provenienti dalla zona di Wuhan

Coronavirus Cina
(Getty Images)