Dopo le frecciatine ai tempi della F1 la Honda a quanto pare si sarebbe vendicata con Fernando Alonso in vista della Indy 500.

Fernando Alonso (Getty Images)
Fernando Alonso (Getty Images)

Fernando Alonso è una vera e propria leggenda del motorsport. Il pilota spagnolo dopo i due titoli vinti in F1 nel 2005 e nel 2006 punta a da tempo a conquistare la Tripla Corona. Il riconoscimento, puramente statistico, viene conferito a chi vince Mondiale di F1 (o GP di Monaco), 500 Miglia di Indianapolis e 24 Ore di Le Mans.

Sinora l’unico pilota che è riuscito in questa impresa è stato Graham Hill. Alonso per completare l’impresa ha bisogno di conquistare l’Indy 500. Nel suo recente passato però c’è una diatriba che potrebbe perseguitare l’asturiano anche in questa sua nuova avventura. Si tratta dei problemi avuti in F1 con la Honda.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Poche scelte per Alonso

Alonso, infatti, negli ultimi anni vissuti in F1 aveva aspramente criticato la casa giapponese rea di avergli dato un motore poco potente ed estremamente fragile. Tante le power unit rotte ad ogni weekend per la Honda, tanto che i nipponici avevano anche vagliato l’ipotesi di abbandonare definitivamente la F1.

Le cose poi sono andate diversamente, la Honda è passata alla Red Bull ed è diventata estremamente competitiva ed affidabile tanto da vincere 3 Gp in questa stagione con Verstappen. Secondo quanto riportato da “Racer” però la casa giapponese a quanto pare avrebbe trovato il modo di vendicarsi con lo spagnolo ponendo il veto affinché la Andretti Autosport mettesse a disposizione una terza vettura alla Indy 500 per l’asturiano.

A questo punto Fernando Alonso dovrà accontentarsi di un motore Chevy, lo stesso che montava nella deludente edizione 2019 quando non riuscì a centrare la qualificazione con la McLaren. I team a disposizione dell’asturiano sono veramente pochi, mentre la terza vettura dell’Andretti Autosport motorizzata Honda a questo resta orfana di un pilota e sarà sicuramente molto ambita.

Antonio Russo

Alonso (Getty Images)
Alonso (Getty Images)