Coronavirus, paziente in condizioni critiche allo Spallanzani: test precauzionali

0
305

Un turista irlandese si trova ricoverato presso l’ospedale Spallanzani di Roma nel reparto di rianimazione, dove i medici stanno eseguendo i test per verificare se si tratti di coronavirus.

Ospedale Spallanzani Roma
L’ospedale Spallanzani di Roma (foto dal web)

Sarebbe un anziano turista irlandese l’uomo ricoverato in rianimazione all’Ospedale Spallanzani di Roma sottoposto ai test per il nuovo coronavirus. L’uomo sarebbe giunto presso il nosocomio in condizioni respiratorie critiche e pertanto i medici, in linea con il protocollo, avrebbero attivato tutte le procedure del caso. L’anziano si trovava su una nave da crociera partita da Genova e diretta a Palermo: su di essa viaggiavano altre 6000 persone, di queste 371 di nazionalità cinese.

Leggi anche —> Coronavirus, il virologo: “Le mascherine non forniscono alcuna protezione dal virus”

Coronavirus, turista irlandese in rianimazione allo Spallanzani: test di precauzione

Sarebbero solo test di precauzione quelli che i medici dell’Ospedale Spallanzani starebbero effettuando su di un turista irlandese giunto, durante la notte del 2 febbraio, presso il nosocomio della Capitale in condizioni critiche. L’uomo, ricoverato in rianimazione poiché affetto da un’aggressiva polmonite, riporta La Repubblica, non manifesterebbe i tipici sintomi del contagio. Eppure come da protocollo il personale sanitario sta eseguendo i test atti ad escludere una possibile affezione da nuovo coronavirus. L’uomo sarebbe arrivato allo Spallanzani dopo che la nave da crociera su cui viaggiava ha attraccato presso il porto di Civitavecchia. Sulla nave, riporta La Repubblica, si trovavano altre 6000 passeggeri di cui 371 di nazionalità cinese: queste ultime pur non manifestando alcun sintomo sono state assoggettate a controlli medici. L’ospedale Spallanzani di Roma ha reso noto che la coppia di turisti cinesi che aveva contratto il virus in questo momento mostra un quadro stazionario e che la restante parte di comitiva rimane sotto osservazione in quarantena. Al momento nessuno di loro sembrerebbe essere stato contagiato.

Intanto, questa mattina a Pratica di Mare è atterrato il primo volo su cui viaggiavano 56 italiani che si trovavano in Cina, mentre a Fiumicino poco dopo le 6 è giunto l’Airbus A350 della China Airlines che rimpatrierà i turisti cinesi presenti in Italia.

Leggi anche —> Coronavirus, sviluppata una mappa per monitorare l’epidemia

Coronavirus Cina
(Getty Images)