I conti correnti online cambiano. Converanno ancora?

0
39

I conti correnti online cambiano e siccome sono la prima scelta di molti risparmiatori ci si chiede se convengano ancora. Vediamo le principali novità.

I conti correnti online cambiano. Converanno ancora?
Carta di debito (foto Pixabay)

SosTariffe.it ha svolto un’analisi, ripresa dal Corriere della Sera, sui costi dei conti correnti e ha registrato un aumento dei conti correnti online del 29% rispetto al 2019.

Ma cosa ha determinato questo aumento?
In primis il canone annuo, il costo per i bonifici e i prelievi allo sportello.

Ciò che emerge però è che un aumento del 27% riguarda anche gli stessi prodotti delle banche tradizionali.

Lo studio di SosTariffe.it ha effettuato l’analisi confrontando tre profili differenti di consumatori cioè quello dei single, quello della coppia e quello della famiglia mettendo a pargone i costi di gestione più diffusi di 17 banche italiane.

Ciò che è emerso è che il costo di un conto corrente online tra gennaio 2019 e gennaio 2020 è passato da 45,26 euro a 58,58 euro.

Non è un aumento trascurabile e il fatto che anche il costo dei conti tradizionali sia notevolmente aumentato non cambia il risultato.

Leggi anche —> Nuovo Bonus Renzi: ecco come funziona

La convenienza dei conti correnti online aumenta di pari passo con i costi?

Ciò che è emerso dall’analisi di SosTariffe.it è che sono le coppie a sostenere una spesa maggiore con il 2020.
Infatti, rispetto a gennaio 2019 si è passati dal 45,31 euro dello scorso gennaio ai 60,23 di quest’anno, segnando così un +32,92%.
Invece i single spendono “solo” il 28,85% in più dell’anno scorso.
Strano ma vero i soggetti che vedono un aumento più contenuto sono le famiglie: per loro l’aumento è del 26,96%: 70,38 euro l’anno in media.

I servizi che costano di più dell’anno scorso

I primi sono i bonifici disposti allo sportello, il cui prezzo è passato dai 2,91 euro del 2019 ai 3,94 euro attuali.

Poi i costi per i prelievi di contante allo sportello che sono passati da 2,31 euro a 2,93 euro nonché il prelievo ATM presso un’altra banca e il prelievo in uno dei Paesi dell’Unione europea che sono saliti entrambi da 1,02 euro a 1,12 euro.

Infine, il costo dell’assegno singolo è cresciuto del 21%.

L’unico costo che si è ridotto è quello del canone annuo della carta di credito: è diminuito del 5%, da 22,77 euro a 21,66 euro.

I conti correnti online cambiano. Converanno ancora?
Oro (foto Pixabay)