Carlo Verdone, la straziante verità: la malattia neurologica devastante

Carlo Verdone

Carlo Verdone ha deciso di rompere il silenzio e parlare di qualcosa che lo ha fatto stare molto male, e che rompe un po’ quell’idea che abbiamo degli attori comici, sempre spensierati e divertiti. Dietro all’artista c’è sempre una persona con un cuore che batte e con le sue sofferenza. In pochi sanno che l’attore ha sofferto tantissimo per la malattia di sua madre. A Vanity Fair ha raccontato di reputarsi una persona fortunata, ma ciò non significa che non abbia avuto momenti di grande difficoltà.

Christian De Sica senza soldi: “Ci ha pensato mia moglie” –> LEGGI QUI

“Quando mia madre si è ammalata di una sindrome neurologica rara e spietata per me furono quattro anni di m***a. Era la persona a cui volevo più bene al mondo, la vedevo sfiorire e il solo guardarla mi faceva disperare. Era arrivata a pesare 39 chili. Con la tristezza e il cuore rotto, dovevo continuare a far ridere e la scissione era brutale” ha raccontato, ricordando quei giorni dolorosissimi. “Durante il giorno giravo Acqua e sapone e al tramonto tornavo da lei. Nuotare tra Natasha Hovey, la Sora Lella, Padre Spinetti e il dolore reale fu un’esperienza tremenda. Stavo perdendo mia madre e mi ricordo che faticavo a perdonarmi perché desideravo morisse il prima possibile. Non si poteva vedere una persona ridotta così. Non si poteva accettare di sapere che soffrisse così tanto”.

Carlo Verdone
Carlo Verdone (Getty Images)