Nostalgia Red Bull: “Quanto ci manca Ricciardo”. E se tornasse indietro?

0
1182

Il boss della Red Bull, Helmut Marko, esprime nostalgia per l’ex pilota Daniel Ricciardo. Che a fine 2020 potrebbe lasciare il suo nuovo team, la Renault

Daniel Ricciardo con il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko (Foto Mark Thompson/Getty Images/Red Bull)
Daniel Ricciardo con il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko (Foto Mark Thompson/Getty Images/Red Bull)

Di Daniel Ricciardo alla Red Bull si sente la mancanza, eccome. Ad ammetterlo senza peli sulla lingua è Helmut Marko in persona, plenipotenziario del team: “Quando decise di passare alla Renault, fu una specie di shock per tutti noi”, ha dichiarato ai microfoni del sito specializzato tedesco Motorsport Magazin.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Trovare un sostituto all’altezza non si è rivelato un gioco da ragazzi: i Bibitari hanno dapprima promosso Pierre Gasly, ma a metà stagione si sono trovati costretti a rimpiazzarlo con Alex Albon: “Alex si è comportato molto bene”, spiega Marko. “Ha cambiato squadra senza mai aver nemmeno provato la macchina, eppure è arrivato in zona punti in tutte le gare tranne il Gran Premio del Brasile, quando è stato colpito da Hamilton. È un ragazzo molto autocritico, che sa dove può migliorare ed è molto positivo. Speriamo che si riveli un buon compagno di squadra per Verstappen quest’anno”.

Red Bull-Renault, ci eravamo tanto amati

Certo è che Ricciardo era tutta un’altra cosa, e non solo a livello di guida: “L’atmosfera nel team è buona, ma non è così gioviale come prima”, ammette l’ex pilota austriaco. “Daniel è uno dei piloti più veloci, ma ci manca anche per le sue battute”. Le ultime voci di mercato, però, lasciano intendere che l’australiano, che alla Renault non ha trovato una macchina competitiva come sperava e ha ottenuto risultati complessivamente deludenti, potrebbe decidere di lasciare la Casa francese a fine 2020. E, in quel caso, un ritorno alle origini non sarebbe del tutto da escludere, stando alle parole di miele che i suoi ex datori di lavoro tuttora gli riservano.

Nostalgico nei confronti di Ricciardo, però, Marko non prova gli stessi sentimenti verso il suo ex fornitore di motori, la Renault, da cui ha divorziato a fine 2018 al termine di un periodo di forti tensioni: “A fine 2019, noi e la Honda abbiamo raggiunto il livello della Mercedes, addirittura siamo stati davanti a loro in piste in cui la potenza del motore è importante, come Messico e Brasile”, prosegue il boss della Red Bull. “E, se ci concentriamo sui problemi meccanici, possiamo concludere che il nostro motore sia più affidabile del Renault. Perciò non siamo scontenti di non essere più loro partner. Basta guardare il campionato costruttori, dove la Renault è giunta solo quinta e non so quanti punti abbia perso da noi”. Ricciardo ne sa qualcosa…

Daniel Ricciardo con il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko (Foto Samo Vidic/Red Bull)
Daniel Ricciardo con il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko (Foto Samo Vidic/Red Bull)