A mezzanotte la Brexit sarà realtà, cosa cambia da domani

Regina Elisabetta II
Regina Elisabetta II (Getty Images)

Ancore poche ore e la Brexit sarà realtà. Dopo la mezzanotte di oggi il Regno Unito non farà più parte dell’Unione. Scopriamo cosa cambia

Dopo la mezzanotte la Brexit sarà realtà. Il Regno unito non farà più parte dell’Unione Europea superate le 24 di oggi. In realtà, comincia la fase di transizione che durerà fino al 31 dicembre 2020. Regno Unito e Unione Europea avranno 11 mesi di tempo per accordarsi sulle future relazioni che intercorreranno i due blocchi. Nel frattempo non cambia nulla. Londra continuerà a far parte del mercato unico e dell’unione doganale e fino a fine anno i cittadini, sia europei che britannici, potranno continuare a viaggiare per turismo o per lavoro da una parte all’altra del continente senza limitazioni né preoccupazioni, ossia niente visto, né passaporto. Agli italiani basterà la solita carta d’identità. Il Regno Unito dovrà inoltre continuare a pagare la sua quota di partecipazione alla Ue e a rispettare tutte le sue norme, comprese quelle riguardanti la Corte di Giustizia Ue, ma non potrà mettere bocca sulle decisioni che prenderanno gli altri 27 Paesi.

Cosa cambia e su cosa bisogna accordarsi

Entro il 31 dicembre 2020 Regno Unito e Unione Europea dovranno accordarsi su temi delicati: dai possibili dazi da applicare su prodotti e merci, ai rapporti sulla concorrenza che intercorreranno tra aziende e istituzioni, passando per sicurezza, condivisione di informazioni, brevetti, farmaci, aiuti di Stato, forniture di gas ed elettricità e diritto di pesca. Dal punto di vista commerciale, la volontà dell’Unione Europea sembra essere quella di non applicare alcuna tariffa su prodotti o merci a condizione che il Regno Unito rispetti delle condizioni ossia Londra dovrà applicare standard ambientali simili a quelli dell’Unione Europea e rispettare le norme sui lavoratori e sugli aiuti di Stato, evitando di dare troppa mano libera alle sue aziende.  Si comincerà a parlare di circolazione di persone e sul trattamento che avranno i cittadini europei che arrivano o vivono nel Regno Unito e viceversa. C’è poi da discutere sul confine con l’Irlanda del Nord appartenente al Regno Unito. L’accordo preliminare prevede una barriera doganale nel mare d’Irlanda, ma i dettagli sono ancora tutti da definire.

uomo morto aereo
 FOTO tuttomotoriweb

Leggi anche > Brexit, la moda delle targhe oscurate

Leggi anche > Per la Ferrari vantaggi dalla Brexit