Coronavirus: contagio, consigli e diagnosi, le dieci cose da sapere

0
96
Coronavirus
virus (foto Pixabay)

Coronavirus, tutte le informazioni utili per capire cos’è e come difendersi: le dieci nozioni in termini di contagio, consigli e diagnosi

Il Coronavirus, sviluppatosi in Cina nelle ultime settimane, sta creando preoccupazione in tutto il mondo. Registrati i primi casi in Italia, come annunciato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Maria Rita Montebelli, medico del Policlinico ‘Gemelli’ di Roma, su ‘Leggo’ ci fornisce le dieci informazioni utili sul batterio: quale la diagnosi, le modalità di contagio, come difendersi e altro ancora.

1 ) Da dove viene il Coronavirus?

La trasmissione del virus sembra essere avvenuta all’inizio dal pipistrello, o dal serpente all’uomo. Ma ormai il contagio avviene da uomo a uomo.

2) Contagio per via aerea e con le mani

Nel primo caso avviene attraverso le goccioline di saliva espulse da una persona malata con la tosse oppure gli starnuti. Nel secondo, attraverso le mani contaminate e non lavate, portate alla bocca, al naso o agli occhi.

3) Consigli su come lavarsi le mani e cosa fare nei bagni pubblici

Lavare di frequente le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Nei luoghi pubblici, chiudere il rubinetto con un fazzoletto di carta.

4) Per quanto tempo il Coronavirus resta nel corpo umano dopo il contagio?

I sintomi possono comparire da 2 a 14 giorni dopo l’esposizione al virus e anche in questo periodo si può contagiare gli altri. Il test per scoprire se abbiamo contratto la malattia è disponibile nei centri specializzati: a Roma lo Spallanzani, a Milano il Sacco.

5) Diagnosi

L’infezione si diagnostica attraverso un tampone nasale o faringeo, l’esame del catarro espulso dai bronchi, con un esame del sangue o delle urine.

6) Le mascherine sono utili?

Solo le mascherine da chirurgo professionali, monouso, danno qualche garanzia in più di ridurre il contagio per via aerea

7) Luoghi affollati

Fare attenzione se i mezzi dei trasporti pubblici (treni, aerei, bus, metropolitane) non fossero disinfettati con attenzione.

8) La tosse: cosa si rischia?

Meglio stare a debita distanza da chi tossisce, la raccomandazione per chi lo fa è di farlo in fazzoletti monouso o nell’incavo del gomito

9) E’ rischioso ricevere spedizioni dalla Cina?

Il virus sopravvive fino a due-tre giorni sugli oggetti, a temperatura ambiente quindi un contagio in questo modo è improbabile, anche all’interno dei negozi cinesi.

10) Non c’è ancora un vaccino, bisogna allarmarsi?

Consultare soltanto le fonti ufficiali, lasciando perdere le fake news. Al momento comunque non esistono farmaci specifici.