Virus cinese, uomo messo in quarantena forzata: il terribile destino del figlio disabile

0
107

Un ragazzo disabile di 17 anni è morto dopo che il padre era stato posto in quarantena dalle autorità cinesi a seguito di presunto contagio da nuovo coronavirus: l’uomo era convinto che quest’ultime si sarebbero prese cura del figlio ma così non è stato.

Un giovane ragazzo 17enne, disabile poiché colpito da una paralisi cerebrale, sarebbe morto di fame e di sete all’interno della propria abitazione poiché il padre sarebbe stato messo in quarantena a causa di un possibile contagio da nuovo coronavirus. La storia aberrante proveniente dalla Cina e si inserisce in un quadro già drammatico.

Coronavirus, ragazzo disabile morto in casa: il padre era stato messo in quarantena

Nessuno si sarebbe preso cura di lui per giorni, così un giovane 17enne colpito da una paralisi cerebrale sarebbe morto di fame e di sete all’interno della propria abitazione. Il padre unico a prendersi cura di lui sarebbe stato, infatti, messo in quarantena dopo aver mostrato i sintomi di contagio da coronavirus di ritorno da un viaggio da Wuhan. L’uomo, riporta la redazione di Tgcom24, era convinto che le autorità si sarebbero prese cura del figlio non autosufficiente cosa che purtroppo non è accaduta.

A riportare la notizia il quotidiano Beijing Qingnian Bao secondo cui il padre della vittima, era stato messo in quarantena forzata dalla polizia. Yang Cheng di soli 17 anni sarebbe morto di stenti all’interno delle mura di casa poiché il padre 49enne, Yan Xiaowen era l’unico a prendersi cura di lui dopo il suicidio della madre. Nello specifico sarebbe accaduto che l’uomo insieme al suo secondo genito autistico si sarebbe recato dal proprio villaggio a Wuhan per i festeggiamenti del Capodanno lunare. Sulla via del ritorno, Yan Xiaowen avrebbe  accusato i sintomi del contagio da nuovo coronavirus così le autorità ne avrebbero disposto la quarantena. L’uomo, preoccupato per le condizioni del figlio avrebbe più volte lanciato degli appelli tramite Weibo (il Twitter cinese), riporta la redazione di Tgcom24, in cui si diceva preoccupato per le condizioni del figlio rimasto solo in casa. Timori fondati considerato che il giovane è deceduto. Le autorità cinesi, a seguito dell’accaduto, hanno aperto un’inchiesta.

Leggi anche —> Virus cinese, un video del gruppo di hacker Anonymous svela retroscena sul contagio

Coronavirus Cina
(Getty Images)